giovedì 25 aprile 2013

Recensione "L'origine del peccato" di Liliana Marchesi

Buondì! Eccomi con una nuova recensione tutta per voi. Ho concluso ieri sera L'origine del peccato di Liliana Marchesi. Come vedete, sto mantenendo il mio buon proposito di leggere più autori italiani!



L'origine del peccato
di Liliana Marchesi

Autopubblicato
Prezzo ebook: 2,99 €
Prezzo cartaceo: 14,40 €
Pagine: 288

Trama: Angeline, 17 anni e capelli di uno strano colore tendente all’arancio, è sopravvissuta al terribile incendio in cui i genitori hanno perso la vita, e che l’ha privata della memoria del suo passato.Dopo essere stata per mesi in ospedale, al suo risveglio troverà Adam ad attenderla, il fratello maggiore. Insieme si trasferiranno nelle Highlands, per cercare di ricominciare una nuova vita riprendendo gli studi e creando delle nuove amicizie. Ben presto, però, il suo passato tornerà a tormentarla, insinuando nella sua mente dubbi, paure e sensi di colpa. A minacciare ulteriormente la tranquillità di Angeline sarà l’arrivo di Mael, l’affascinante leader di un gruppo di circensi, che attraverso delle visioni indotte le svelerà dei segreti inimmaginabili sul suo passato, costringendo Angeline a riconsiderare la propria esistenza. Un Giardino paradisiaco abitato da esseri immortali, un albero magnifico tenuto in vita da una linfa misteriosa, e un frutto... che scatenerà il caos!

Recensione
Angeline, la protagonista e voce narrante della storia, vive in una cittadina scozzese con suo fratello Adam. Non ricorda nulla del suo passato o dei suoi genitori, sa solo che a causa di un incendio sono morti un anno prima e che a seguito di quel trauma ha perso la memoria.
Quello che di certo non si aspetta, è il segreto che si cela dietro alla sua vera identità.

Ben presto farà la conoscenza di Mael, uno strano ed avvenente ragazzo che è arrivato in città insieme al circo e che ne fa parte. Mael cercherà di attirare in tutti i modi la sua attenzione. Angeline si sentirà inspiegabilmente attratta da lui che senza ulteriori indugi la metterà a conoscenza della verità. Scoprirà che il suo vero nome è Evangeline e che in realtà è un essere immortale con particolari abilità. Non ha mai avuto dei genitori e Adam non è davvero suo fratello.

I ricordi cominceranno a tornarle alla mente uno alla volta, ma in molti la stanno cercando e in nessun luogo potrà sentirsi al sicuro, nonostante Mael e Adam facciano del loro meglio per proteggerla.

Liliana Marchesi con il suo romanzo, rivisita la storia del peccato originale e del Giardino dell'Eden. Questa coraggiosa idea che ha avuto l'autrice l'ho davvero apprezzata molto. Il libro inizia come un classico young adult, ma invece si rivela diverso e unico nel suo genere.

La narrazione l'ho trovata scorrevole anche se a tratti forse un tantino dispersiva. Il libro si legge abbastanza in fretta e mi è piaciuto il giusto senza tuttavia riuscire a conquistarmi interamente. Consiglio la lettura a chiunque abbia voglia di qualcosa di diverso dal solito a cui ormai siamo stati abituati.

Ci tenevo comunque a dire che una delle cose che secondo me gioverebbe molto a questa serie - L'origine del peccato è infatti il primo di una trilogia - è un cambio di immagine. Si sa che le cover sono il biglietto da visita dei libri, più sono belle e più attirano potenziali lettori. Le cover dei tre volumi sono a mio parere troppo semplici, risultato un collage di immagini poco azzeccato e penso che la serie si meriterebbe qualcosa di meglio, di più strutturato e costruito. Sono sicura che delle copertine più appetibili potrebbero fare la differenza per il pubblico.



Trilogia del peccato di Liliana Marchesi
  1. L'origine del peccato, 2012
  2. L'innocenza del peccato, 2013
  3. L'ultimo respiro per la redenzione, 09/2013

20 commenti:

  1. ho sento parlare di questo libro spesso, ma è la prima recensione che leggo..sembra interessante come trama non sapevo fosse una rivisitazione del peccato originale.Sei sempre molto utile. magari un giorno ci potrei pure fare un pensierino:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Vale! Ho trovato l'idea della rivisitazione molto originale :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Sì dai! Almeno è diversa dal solito :)

      Elimina
  3. Avevo adocchiato il libro nella tua side di destra e quando ce l'avevi presentato nella rubrica "In my kindle", ma non mi ero mai soffermata per colpa della trama. Oggi l'ho fatto e direi che ne sono entusiasta, spero di leggerlo molto presto perché già mi piace:)

    RispondiElimina
  4. L'idea della rivisitazione del peccato originale mi attira tantissimo *-*
    La tua è la prima recensione che leggo ma sono curiosa, qualcosa di diverso ci vorrebbe proprio :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è proprio una bella idea! Evviva l'originalità che ultimamente la si deve andare a cercare con la lente di ingrandimento XD

      Elimina
  5. a me le copertine piacciono, è il triangolo che mi ha un pò disturbato, troppo indecisa la ragazza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il triangolo prima di esprimermi bisognerebbe che sapessi cosa è successo in passato che in questo libro ancora non è molto chiaro o.O

      Elimina
  6. Questa storia mi è piaciuta molto!!! molto originale, e qualcosa di diverso dai soliti YA.
    Per il triangolo anche io non mi sono espressa, aspetto di saperne di più!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco sì :P c'è bisogno di più informazioni per poter giudicare :)

      Elimina
  7. Cara Denise ho letto con piacere la tua recensione e ti ringrazio ^_^
    Per quanto riguarda le cover hai ragione, sono il biglietto da visita di un libro, e credimi, avrei voluto fare molto di più per la mia Trilogia... se solo avessi avuto i mezzi ;)
    Anzi, se ci fossero degli illustratori in ascolto, potremmo indire un contest :D
    Scherzi a parte, grazie per ciò che hai scritto tu e per i commenti che sono stati lasciati ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermi fatto leggere il tuo libro :)

      Elimina
  8. Me sento parlare da molto ma ancora non mi decido

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari leggi qualche altra recensione in giro :)

      Elimina
  9. Anche io avevo già sentito parlare di questo libro in giro ma non mi ci ero mai soffermata più di tanto e questa è la prima recensione che leggo. La trama non mi attirava molto però quello che hai scritto mi ha incuriosita, lo aggiungerò alla mia WL :)

    RispondiElimina
  10. Ciao,
    c'è un premio per te sul nostro blog
    http://il-flauto-di-pan.blogspot.it/2013/04/premio-very-inspiring-blogger.html

    RispondiElimina