lunedì 24 febbraio 2014

Chi ben comincia #32




Chi ben comincia è una rubrica a cadenza settimanale ideata da Alessia del blog Il profumo dei libri e ha lo scopo di presentare, ad ogni appuntamento, l'incipit di un libro - già letto, in lettura o da leggere - in modo da aiutarci a capire se l'eventuale lettura potrebbe risultare piacevole o meno.

Buon inizio settimana lettori! Non so da voi che tempo faccia, ma qui sembra praticamente già arrivata la primavera. Queste belle giornate col sole mi fanno venire voglia di leggere all'aperto... cosa che alla fine si riesce a fare solo in questa stagione, d'estate se ci provo ci resto secca! Comunque oggi ho deciso di trascrivervi l'incipit del libro che ho attualmente in lettura.


L'estate del coniglio nero
di Kevin Brooks

L'estate di questa storia per me cominciò in un caldo giovedì sera ai primi di luglio, proprio mentre il sole iniziava a tramontare. In quel momento ero impegnatissimo a non fare niente e me ne stavo disteso in camera a guardare il soffitto, quindi non lo vedevo effettivamente, ma ero abbastanza certo che da qualche parte, fuori, il sole stesse calando. Da qualche parte, fuori, c'erano l'orizzonte acceso, il cielo rosso che sfumava, le stelle, la luna, tutto il resto del mondo, ma ero io che non volevo averci niente a che fare.
Non volevo avere a che fare con niente.
Volevo solo starmene disteso in camera a guardare il soffitto.
Non avevo idea da dove venisse quell'apatia e forse non me ne fregava nemmeno, ma nelle tre settimane da quando era finita la scuola avevo preso l'abitudine di non fare assolutamente niente e la trovavo difficile da perdere. Alzarmi tardi la mattina, passare ore in giro per casa, starmene seduto un po' al sole... forse leggermi un libro, forse no. C'era differenza? Per come la vedevo io, i giorni e le notti sarebbero passati comunque, che io avessi fatto qualcosa o no. E infatti passavano. Le mattine passavano, i pomeriggi passavano, le sere si trasformavano in tramonti e poi in notti... e io mi ritrovavo un'altra volta disteso in camera a guardare il soffitto, a chiedermi dove fosse finita la giornata e perché non avessi fatto niente e perché non potesse fregarmene di meno.
Quella sera avrei potuto fare un bel po' di roba. Erano solo le nove e mezza. Avrei potutto guardare la tv o un dvd, o prepararmi per andare da qualche parte. Avrei potuto guardare la tv o un dvd e poi prepararmi per andare da qualche parte.
Ma sapevo che non l'avrei fatto.
Ero ben contento di non fare niente.
Ben contento?
Non saprei.
Suppongo di sì.
Vabbe', comunque, era questo che stavo facendo quando il telefono squillò e l'estate di questa storia cominciò. Ero disteso a guardare il soffitto e mi facevo gli inesistenti affari miei. Lo squillo del telefono non mi disse niente. Era un rumore come un altro, uno squillo banale che conscevo bene, giù nell'ingresso. E sapevo che non stavano chiamando me. Era probabilmente papà che chiamava dal lavoro o una delle amiche di mamma in vena di chiacchierare...
Non era niente per cui agitarsi.
Non era niente per cui nemmeno reagire.


Che ne dite? Vi anticipo già che la famosa telefonata alla fine era proprio per il protagonista anche se già il testo lo suggerisce. Ieri sera ho passato il centinaio di pagine e devo dire che al momento il libro mi sta piacendo molto. È a tratti strano e un po' inquietante - cosa che non guasta assolutamente, anzi l'apprezzo un sacco - e l'autore è riuscito a conquistarmi fin dalle prime pagine. Adoro il suo modo di scrivere di raccontare le cose!
Voi cosa ne pensate? Avete in programma di leggere questo romanzo o l'avete già letto? Alla prossima!

11 commenti:

  1. Interessantissimo. E' nella mia libreria. Potrei iniziarlo dopo Utopia, ma non so...
    Forse mi rilasso prima con una lettura più soft. Ho bisogno, in questo momento, dell'equivalente "libresco" di una commedia scema e senza pensieri. :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco perfettamente :P dai allora magari prima datti a un libro leggero e poi ci puoi sempre fare un pensiero, tanto non scappa dalla tua libreria! Oddio ti immagini se dopo un po' i libri stanchi di essere ignorati... se ne andassero? X°D
      Mah... te vedi che strane idee mi vengono U.U

      Elimina
  2. *O* mi ispira! Dando un'occhiata alla cover all'inizio non mi convinceva per niente.. però adesso che ne parli così bene credo che ci farò un pensierino!
    Tu me lo consigli conoscendo i miei gusti? **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm bella domanda! Mi riservo di rispondere a lettura ultimata :P

      Elimina
  3. Lo stile mi piace, il protagonista pure (riesco a relazionarmi bene a lui XD) e la curiosità c'è aspetterò la tua recensione per conferma, ma credo di poterlo già mettere in WL!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha sì il protagonista è troppo forte :'D del genere "non ho voglia di fare niente e sto bene così" LOL fin ora adoro il suo personaggio :3
      La recensione spero di pubblicarla in settimana!

      Elimina
  4. Non mi incuriosisce molto in realtà.

    RispondiElimina
  5. Non sembra male come inizio, soprattutto perché è capitata anche a me una giornata come quelle del protagonista XD

    RispondiElimina
  6. La copertina non mi convinceva e sicuramente se lo avessi visto in libreria non lo avrei preso in considerazione.....ma visto che ne parli cosi bene potrei farci un pensierino.....aspetterò però la tua recensione a lettura ultimata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverà di sicuro entro la fine della settimana :3

      Elimina