mercoledì 20 marzo 2013

Recensione "Colpa delle stelle" di John Green

Di solito, come chi mi segue già da un po' avrà notato, non sono una lettrice che divora compulsivamente i libri in poche ore. Mi piace poterli gustare poco alla volta giorno per giorno, salvo rare eccezioni. Colpa delle stelle di John Green è stata proprio una di queste.



Colpa delle stelle
di John Green

Titolo originale: The fault in our stars
Editore: Rizzoli
Prezzo: 16,00 €
Pagine: 360

Trama: Se il cancro che ti hanno diagnosticato a dodici anni, a sedici sembra in regressione è un miracolo. Ciò che la giovane Hazel ha imparato a proprie spese, però, è che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto ai coetanei, con una vita in frantumi i cui pezzi non si incastrano più.
Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure, che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione per stare insieme è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.


Recensione
Basta leggere la trama di questo libro, prima ancora di inoltrarsi nella lettura, per sapere che se lo leggeremo finiremo col cuore spezzato. Un po' come quando andiamo al cinema a vedere un horror e sappiamo che potrebbe farci paura. Alla fine del film potremo averne avuta oppure no, ma alla fine di Colpa delle stelle il cuore spezzato è una certezza.

Hazel è una sedicenne che non ha una vera e propria vita. Passa le giornate in casa con sua madre a guardare stupidi programmi alla tv. È depressa perché, come direbbe lei, essere depressi è un effetto collaterale del cancro e il cancro è un effetto collaterale del morire.
Infatti la nostra giovane protagonista soffre di un cancro ai polmoni già da diverso tempo ed ora è nella fase terminale della sua malattia. Ha bisogno costante di una bombola d'ossigeno che l'aiuti a respirare e, anche se un farmaco sperimentale è riuscito temporaneamente a bloccare la crescita del suo male, sa che prima o poi dovrà morire e si è rassegnata all'idea.

Le cose cambiano quando un giorno, al gruppo di sostegno dove ogni tanto si riuniscono i giovani malati di cancro della città, incontra Augustus Waters. Lui fin da subito sembra interessato a lei e Hazel pensa che avere un amico non potrebbe certo farle male. Anche Augustus era malato, ma ha avuto la fortuna di avere l'80% di possibilità di sconfiggere il suo osteosarcoma e c'è riuscito e adesso è in salute, ha un'intera vita davanti.

I ragazzi prendono a frequentarsi e l'intesa tra di loro è sempre più forte, nasce qualcosa di più di una semplice amicizia, pagina dopo pagina, fino al punto che Augustus decide di usare il suo Desiderio per accompagnare Hazel ad Amsterdam in modo che possa conoscere il suo scrittore preferito e che possa sapere come va a finire il romanzo incompleto che tanto adora.

John Green si è scusato alla fine del libro, per via delle imprecisioni mediche che sono presenti nella storia, ma non avrebbe dovuto. La cosa davvero importante è riuscito ad ottenerla ed è stata la veridicità di Hazel e del suo convivere con la malattia che l'affligge.
Hazel non si fa problemi a prendersela con i suoi polmoni e a dire quanto le facciano schifo e non ha potuto fare a meno di ricordarmi me stessa quando me la prendo con il mio apparato digerente. Ne ha ricevuti tanti il mio intestino di insulti e ve lo può confermare. Io grazie al cielo non ho il cancro e niente di grave, ma so cosa vuol dire non godere di ottima salute e invidiare tutti coloro che stanno bene e Green è riuscito benissimo ad esprimere quella sensazione.

La cosa bella di questo libro è stata la scoperta. Come dicevo all'inizio, ci si può anche preparare a farsi spezzare il cuore, ma quello che non possiamo sapere è il modo in cui verrà spezzato.
Green è riuscito a giocarmi un brutto scherzo. Mi ha fatto sorridere, mi ha fatto stare in ansia, e sì, mi ha fatto soffrire ed è anche riuscito a farmi commuovere, ma in modo del tutto inaspettato. Non voglio rivelarvi altri dettagli sulla trama perché questo libro va letto e vissuto per essere compreso.

«"È questo il problema del dolore. Esige di essere sentito."»

Avevo già apprezzato lo stile e il modo che ha di raccontare le sue storie con Città di carta e penso proprio che continuerò a farlo continuando leggerlo e farmi stregare.



I romanzi di John Green
  • Cercando Alaska, 2010 (Looking for Alaska, 2005)
  • Teorema Chaterine, 2009 (An abundance of Katherines, 2006)
  • Città di carta, 2009 (Paper towns, 2008)
  • Will ti presento Will, 2011 (Will Grayson, Will Grayson, 2010)
  • Colpa delle stelle, 2012 (The fault in our stars, 2012)

50 commenti:

  1. bellissima recensione!
    Ho amato questo libro! e non vedo l'ora che esca il film *-*
    Di Green ho letto anche Cercando Alaska ma non mi ha convinta molto. Penso proverò a leggere Città di carta e Teorema Chaterine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ora vado a informarmi sul film! Sarà uno di quelli con il quale il mio ragazzo uscirà dal cinema con un muso lungo un km XD
      Città di carta non è affatto male! Io penso che Cercando Alaska lo leggerò prossimamente *-*

      Elimina
  2. Splendida recensione**
    A me manca da leggere Will ti presento Will di Green, a breve pensavo di prenderlo in biblioteca. Gli altri invece li ho amati tanto, Looking for Alaska su tutti♡.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *A* sei già la terza che mi dice che quello è il migliore! Non vedo l'ora :D

      Elimina
  3. Libro che ho nella wish e che devo comprare al più presto **
    Mi sono innamorata della copertina (amo le stelle) ma ancora di più della trama! Sono sicura che sarà bellissimo anche se triste <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Preparati psicologicamente :P
      Comunque la copertina è davvero stupenda si *-*

      Elimina
  4. Io mi sento un pesce fuor d'acqua perchè non ho letto nulla di questo autore...provvederò assolutamente! Bella recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Vedrai che saprà conquistarti :D

      Elimina
  5. Appena leggo "John Green" entro in modalità fangirl! I suoi libri sono assolutamente gashjgthrhjhdjhs.
    Seriously, quell'uomo è un genio.
    Ho letto che hanno scelto Shailene Woodley per interpretare Hazel Grace. Mmh... non mi convince molto, non mi ero immaginata la protagonista di TFiOS così. E poi quest'attrice ultimamente è ovunque: Divergent, The Amazing Spiderman 2...
    -Ale, che aspetta solo di vedere chi farà Augustus *_* e spera che sia ESATTAMENTE come se lo era immaginato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Shailene non dispiace affatto! Nella serie tv non la sopportavo, ma in Paradiso amaro mi è piaciuta molto e penso sia brava v.v ci può stare!
      Sono proprio curiosa di vedere chi sceglieranno per Augustus *A*

      Elimina
  6. Complimenti per la recensione! ^^
    Questo libro mi ispira tantissimo! *o* Ma necessiterà di una preparazione psicologica non indifferente, anche perché è un argomento che mi ha toccata da vicino.
    Prima o poi lo leggerò, perché è li che freme per essere preso! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La preparazione psicologia è d'obbligo, soprattutto per chi è vicino - direttamente e non - alla malattia! Io a 22 anni ho già un carrellino di roba non da poco... certo non ho il cancro per fortuna XD però... capisco cosa vuole dire non essere in salute e mi sono sentita proprio compresa durante la lettura :')

      Elimina
  7. bellissima recensione, sto rimandando all'infinito la lettura perché ho bisogno di sorridere in questo periodo e non di spezzarmi il cuore..ma è lì in attesa..arriverà anche il suo momento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già ogni libro ha il suo momento! Vedrai che ti piacerà *-*

      Elimina
  8. E' stupendo come la recensione *-* Bello, bello, bello e prima o poi dovrò leggere altri romanzi di John Green. Penso che inizierò da Cercando Alaska ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! Io non appena ho un po' di respiro dagli arretrati lo prendo in biblioteca :D

      Elimina
  9. Bellissima recensione Deni, si capisce che ti è proprio piaciuto tanto.
    Io ho smesso di leggerlo, perchè mi sono messa a leggere altro, perchè lo avevo preso 'presa' (scusa il gioco di parole xD) dalla foga dei blog per Colpa delle Stelle, quindi credo di averlo abbandonato perchè non volevo unirmi alla massa lol
    Ho letto Cercando Alaska e ho emozioni contrastanti per quel libro, tanto contrastanti che non sono ancora riuscita a buttare giù la recensione D:
    A quanto ho capito un film simile simile che uscirà tra un po' in ita è Now Is Good con Elle Fanning.
    Deve essere moolto bello e straziante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio D: ma che sarà mai Cercando Alaska da come ne parlate? D: Non può essere meglio-peggio di questo v.v
      Comunque deve uscire anche il film di Colpa delle stelle nel 2014! Attualmente stanno facendo il casting :)

      Elimina
  10. prima o poi mi deciderò a comprarlo, è una promessa
    bellissima recensione, brava ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lu :)
      Vedrai che non te ne penti v.v

      Elimina
  11. La mia curiosità verso quest'autore era già altissima, dopo la tua recensione non resisto più, devo assolutamente procurarmi questo libro! Ottimo lavoro ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara! John Green è davvero bravo! Non te ne pentirai :D

      Elimina
  12. Bella recensione!
    Io ho amato il libro alla follia e non vedo l'ora di scoprire altri dettagli riguardo al film! :)

    RispondiElimina
  13. Sono contenta che ti sia piaciuto!Anch'io l'ho amato, ma Cercando Alaska l'ho trovato leggermente più bello!
    Comunque non vedo l'ora che esca il film, anche se l'attrice scelta per Hazel non mi piace per niente :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mai? A me non dispiace anche se me la immaginavo diversina v.v

      Elimina
  14. Aspettavo questa recensione!!!:):) Bella...penso proprio sarà uno dei prossimi libri che leggerò!!!:) Mi preparo a fiumi di lacrime!!!xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Si se sei sensibile preparati :P
      Io ho avuto gli occhi umidi in una scena... e ho le lacrime impossibili LOL

      Elimina
    2. E' peggio del finale di Proibito?xD

      Elimina
    3. Oddio no XD
      Proibito... D:
      No a questo finale sei un po' più preparato... alla fine ti aspetti che muoia qualcuno quando inizi il libro...
      Invece proibito... D:

      Elimina
    4. Bene dai!!:D Perchè nell'ultimo capitolo di Proibito, dopo lo shock iniziale, ho versato una marea di lacrime!!xD Staremo a vedere con questo allora...però dovrebbe andare meglio!!!xD

      Elimina
    5. A me non ha fatto piangere... però ci sono rimasta malissimo e ci son stata a pensare per giorni °-°

      Elimina
  15. A me ha spezzato il cuore! Green è un vero maestro :D!

    RispondiElimina
  16. Bellissima recensione!!! :) :)
    Io devo leggere questo libro, però ancor non ho il coraggio!!devo aspettare il momento giusto, è in questo momento sono mooolto sensibile!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non ti conviene ora come ora :P

      Elimina
  17. Fau venire unja gran voglia di leggerlo!!!!E ogni recensione letta finora di questo libro è poetica...Doti delle blogger, ovviamente^^, ma anche potere del libro in questione....Proprio vero che non ci si può mai preparare a come verrà spezzato il cuore

    RispondiElimina
  18. con questo libro devo ricordarmi assolutamente di comprare una scatola di fazzoletti confezione gigante!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sisi ricordati :P se ti commuovi facilmente o sei sensibile ci vuole!

      Elimina
  19. Che libro meraviglioso, è l'unico che sia riuscito a farmi piangere (il mio ragazzo mi guardava perplesso)..
    Amo John Green alla follia, ho tutti i suoi libri (letti e riletti decine di volte). Amo la sua sottile ironia, l'intelligenza che traspare da ogni riga, lo stile giovane, la trama che non delude mai, ma soprattutto i personaggi: unici!
    Mi sono innamorata di Alaska dalle prime righe, ed è stato lo stesso per Augustus <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere Cercando Alaska pure io :D

      Comunque capisco per le lacrime, a volte se non si è lettori non si capisce come i libri riescano ad emozionare :'D

      Elimina
  20. Finalmente l'ho letto e solo ora ho capito cosa intendevi con la frase "ci si può anche preparare a farsi spezzare il cuore, ma quello che non possiamo sapere è il modo in cui verrà spezzato"...fino a metà libro non me lo aspettavo proprio...ci sono rimasta malissimo!! Un libro stupendo comunque!!:')

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io y___y gosh!
      Green è stato perfido! Nessuno se lo aspettava D: poi quando ha avuto il primo dolorino ho pensato OMG NO! D: perché avevo intuito come sarebbe andata a finire!
      La scena del funerale poi... tristissima y___y
      Ecco il film se è fatto bene... penso che in quella scena mi farà versare di sicuro delle lacrime amare D:

      Elimina
    2. Io ho pianto quasi ininterrottamente per tutte le ultime 60 pagine circa...dal prefunerale alla fine praticamente!! Non penso riuscirò a guardare il film...magari lo guarderò da sola, a casa, così posso disperarmi senza essere osservata!!xD

      Elimina
    3. Io ho le lacrime difficilissime... quasi impossibili XD
      Mi sono commossa in particolare quando * SPOILER * lei gli va accanto con la bara aperta e lo bacia e si ricorda del loro primo bacio... e gli da le sigarette e gli dice che non si arrabbia se le fuma... * FINE SPOILER * che strazio y__y so già che in quella parte nel film (per qualche ragione mi commuovono più i film dei libri) cederò D: gosh!

      Elimina
    4. Sì hai ragione, anche quella parte è straziante!! ...allora aspetterò le tue impressioni riguardo al film e poi deciderò se sono in grado di guardarlo o meno!!xD

      Elimina
    5. Mi sa che ne avremo tempo di aspettare prima che esca LOL

      Elimina