mercoledì 11 settembre 2013

The lost cover #20





The lost cover è una rubrica che, da brava amante di copertine, ho ideato io stessa. Ogni volta che pubblicherò un nuovo appuntamento, metterò a confronto la copertina originale di un libro con quella scelta invece per la versione italiana. Da qui la copertina perduta!

Buondì popolo! Per quanto ogni volta ci provi non riesco mai a essere regolare con questa rubrica! Oggi volevo pubblicarvi qualcosa e mi è finalmente tornata in mente. Ce la farò prima o poi?
Oggi le copertine che vi propongo a confronto sono quelle di un libro conosciutissimo! Negli ultimi giorni sto vedendo un sacco di foto dal set del film (so già che piangerò come una scema) e così mi è venuto in mente di proporvele per vedere cosa ne pensate.
Originale
Italiana
 

Come vedete sono due copertine completamente diverse e opposte. Quella originale è molto semplice, non ci suggerisce molto sul contenuto e punta sul minimalismo e beh, non si può negare che abbia comunque la sua dose di fascino. Quella che invece ha scelto la Rizzoli per l'edizione italiana, punta più sulla malinconia e sulla fragilità dei contenuti che ritroviamo sotto ai nostri occhi attraverso la metafora di queste mani che lasciano cadere inesorabili una miriade di piccole stelline colorate.
Io personalmente, per l'atmosfera e per il significato trasmesso, preferisco la versione italiana. Quella originale, per quanto la trovi carina, penso sarebbe stata adatta a un libro diverso.
Se siete interessati alla mia recensione del romanzo, potete trovarla qui.

Voi cosa ne pensate? Quale preferite? Sono in trepidante attesa per il film e visto che manca un sacco di tempo, ora come ora mi accontenterei anche solo per vedere un trailer, una still o una qualsiasi altra cosa. Alla prossima!

18 commenti:

  1. Incredibile ma vero, scelgo quella Italiana! E' davvero molto bella :)

    RispondiElimina
  2. Anche a me piace quella italiana!

    RispondiElimina
  3. Ti do pienamente ragione!! Questa è una delle rarissime volte in cui preferisco la copertina italiana all'originale...ogni tanto fanno qualcosa di buono!!xD

    RispondiElimina
  4. Anche io per una volta scelgo la cover italiana, come hai detto tu quella originale mi fa pensare ad un altro genere di libro.
    Aspetto ovviamente il film ma prima voglio leggere il libro v.v che ne dici di far partire un gdl poi? :p

    RispondiElimina
  5. Per quanto sia bella quella inglese, quella italiana mi piace ancora di più! :D

    RispondiElimina
  6. anch'io preferisco quella italiana, decisamente!!!

    RispondiElimina
  7. Io preferisco quella originale ma riconosco che quella italiana è molto bella, mi piace il fatto che richiama le stelle del titolo con quelle piccole stelline che cadono dalla mano! xD

    RispondiElimina
  8. io adoro la cover originale proprio perché è semplice, non è pretenziosa. proprio come il libro, secondo me :')

    RispondiElimina
  9. Mmmm mi piacciono entrambe anche se sono completamente diverse! Forse quella italiana ma anche quella originle... Oddio, non so scegliere xD Posso solo dire che io, volendo leggerlo in inglese, avrò la cover originale :P

    RispondiElimina
  10. Io preferisco quella originale!
    L'altra è troppo sdolcinata.

    RispondiElimina
  11. aaolutamente quella italiana...!io ancora non ho letto il libro!>_<..non sapevo stessero realizzando il film!*_*^_^!

    RispondiElimina
  12. per una volta meglio quella italiana!

    RispondiElimina
  13. Preferisco quella italiana ma nessuna delle due mi fa impazzire :P

    RispondiElimina
  14. io personalmente adoro quella originale.
    Non so perché, ma quel giallino esteso nella italiana non mi fa impazzire :s
    Oooh questo romanzo ç__ç se solo ci penso mi vien da piangere u_u

    RispondiElimina
  15. Voto a favore si quella italiana perché i coriandoli di stelline mi hanno catturata fin dalla prima volta che l'ho vista

    RispondiElimina
  16. Stranamente quella originale non mi piace per niente, mentre adoro quella italiana *-*

    RispondiElimina
  17. per una volta propendo per quella italiana, credo che abbiano fatto un ottimo lavoro.

    RispondiElimina