sabato 29 marzo 2014

Talking about #12 Il finale di "Allegiant" (SPOILER)





Talking about (parlando di) è una rubrica ideata da me. Ad ogni appuntamento tratterò di un argomento diverso. A volte vi proporrò delle top ten, a volte dei meme, a volte semplicemente vi parlerò di ciò che mi passa per la testa riguardo questa o quell'altra cosa, ovviamente e rigorosamente sempre a tema libresco.

Buongiorno ragazzi! Oggi ho pensato di fare un post un po' diverso dal solito come avrete capitolo dal titolo. Di solito nelle mie recensioni sto sempre bene attenta a non fare spoiler di alcun tipo, però ci tenevo a parlare e confrontarmi con voi riguardo al finale di Allegiant ora che finalmente è arrivato anche nelle nostre librerie.
Io personalmente ho letto il libro praticamente subito quando è uscito in lingua proprio perché non volevo incappare in eventuali spoiler. Il finale mi ha sconvolta, ha lasciato un segno nella lettrice che c'è in me e l'ho davvero apprezzato molto. L'ho apprezzato ancora di più, però, quando ho scoperto che Veronica Roth - l'autrice - aveva creato un post nel suo blog per spiegare il proprio punto di vista a riguardo e il perché avesse deciso di prendere certe scelte.
Secondo me questo post scritto da Veronica, dovrebbero leggerlo tutti a prescindere da cosa pensano del finale. Così, ora che molti di voi ormai hanno letto il libro o lo stanno facendo, e quindi sono pronti a parlarne, ho pensato di tradurvelo in modo da poterne parlare insieme.

✻ ✻ ✻
attenzione
Di seguito trovate la mia personale traduzione di questo post scritto dall'autrice Veronica Roth sul suo blog personale. Se non avete letto Allegiant non leggete questo post perché contiene spoiler riguardo al finale. Se volete citare parte di questo testo, siete pregati di rimandare al mio blog dal momento che l'ho tradotto io.

«Nel mio gruppo di scrittura creativa al college, avevamo una regola: durante le sessioni, se qualcuno criticava la tua storia, non ti era permesso dire nulla. Questo per dare l'opportunità ai tuoi colleghi di interpretare il tuo lavoro senza essere messi in discussione; e anche perché il tuo punto di vista, la tua difesa, alla fine non contava nulla, anche se tu pensavi il contrario. Se le tue spiegazioni e intenzioni non sono chiare al lettore, ma sepolte all'interno nel testo, non è colpa del lettore, è colpa dell'autore.

Rispondere ai commenti dei lettori della saga di Divergent mi ha fatto sempre sentire un po' in questo modo, come se non dovessi essere io a dare spiegazioni, ma dovessi lasciare la gente parlare liberamente, anche se a volte certe critiche fanno male (e me ne fanno, sono solo una persona dopo tutto).

Quindi non è questo quello che sto cercando di fare adesso. Un sacco di persone mi hanno chiesto perché Tris muore alla fine di Allegiant, e quello che voglio fare è soltanto rispondere a questa domanda al meglio delle mie possibilità. Ma se siete preoccupati e magari avete l'impressione che stia cercando di impormi, per favore non continuate a leggere questo post - è l'ultima cosa che vorrei. Non voglio dirvi come leggere questi libri oppure dirvi che c'è solo un modo giusto di leggerli e interpretarli. Voglio solo offrirvi un resoconto personale sul come sono arrivata a scegliere di scrivere questo finale, se siete interessati a sentirlo. Prima di venire al dunque, ci tengo a dire un paio di cose:

1. Vi è permesso - anzi, vi incoraggio! - a continuare a sentirvi come già vi sentite o a pensarla allo stesso modo in cui già la pensate, riguardo al finale, senza dare troppo conto a quello che dice questo post. Io sono l'autrice, sì, ma questo libro è vostro quato mio adesso, e le nostre voci sono importanti allo stesso modo in questa conversazione.

2. Soltanto perché cerco di trasmettere qualcosa attraverso la mia scrittura, non vuole necessariamente dire che riesca a farlo bene, quindi è anche normale che magari pensiate "Ok, capisco quello che intendi, ma non penso che quello che hai cercato di fare abbia funzionato".

Ho già affermato in passato che questo finale è sempre stato parte del piano, ma una cosa che voglio sia chiara è che non l'ho scritto giusto per scioccare la gente, o per sconvolgerla, o perché sono cattiva e rude con i miei personaggi - no, no, no. Posso essere stata ingiusta con altri personaggi, in passato, ma non con lei, mai con lei. E non stavo pensando a nessuno dei miei lettori quando ho scritto questo libro; stavo pensando alla storia, perché cercare di andare incontro alle aspettative di così tante persone mi avrebbe paralizzata. Non esiste un modo per fare contenti tutti, perché il leggendario libro che contiene il finale che ogni persona adora, non può esistere - le persone vogliono cose diverse, ognuno di voi vuole cose diverse. L'unica cosa che io potessi fare era scrivere una storia onesta e fare del mio meglio.

Quello che succede ai genitori di Tris alla fine di Divergent è stato in qualche modo l'evento chiave su cui si è basata poi il resto della serie. Prima di allora, Tris aveva rifiutato i valori dei suoi genitori e i loro principi quando aveva scelto gli Intrepidi. In Divergent aveva cercato di riconciliare le sue due identità: la sua parte Abnegante, che Quattro le ricordava, e la sua parte Intrepida. È soltanto qualche attimo prima che sua madre sacrifichi la vita per la sua che Tris capisce come queste due identità in realtà si integrino insieme, riuscendo a combinare, grazie alla divergenza, altruismo e coraggio e l'amore per la sua famiglia insieme all'amore per la sua fazione. È un momento di trionfo seguito da un momento di devastazione totale, l'attimo in cui Natalie muore in modo da permettere a Tris di scappare. E non molto dopo viene anche il turno di Andrew.

Le morti dei genitori di Tris sono state delle rivelazioni, sia per Tris che per me. Per Tris, perché hanno risvegliato in lei quel potere che da un sacrificio nato dall'amore incondizionato; dopo infatti, si rifiuta di uccidere Quattro, essenzialmente preferendo dare la propria vita piuttosto che prendere la sua. In quel momento dice infatti qualcosa riguardo al potere del sacrificio, ma le sue azioni non si riflettono sulle sue intenzioni come dovrebbero - lasciarsi uccidere, in quel momento, magari sarebbe stato nobile sotto una prospettiva romantica, ma non avrebbe salvato gli Intrepidi dal siero di simulazione che li faceva comportare come zombie telecomandati, e non avrebbe nemmeno salvato Tobias dalla sua personale simulazione.

Le morti dei genitori di Tris mi hanno fatto capire che nonostante lei avesse abbandonato la loro fazione, non sarebbe mai stata in grado di separarsi davvero da loro, e che nemmeno avrebbe mai voluto farlo davvero; che il tormento del suo personaggio, la cosa a cui lei non sarebbe mai stata in grado di rinunciare, era trovare un modo per onorare i suoi genitori pur mantenendo la sua propria identità. Quello era il suo pensiero anche in Divergent, in modo meno marcato, ma poi è stato il suo chiodo fisso in modo molto più evidente in Insurgent.

Tris trascorre Insurgent tormentata dal dolore e dal senso di colpa per la morte dei suoi genitori e per la sua scelta di sparare a Will per salvarsi la vita (che è stato l'opposto di quello che ha fatto con Tobias, e che dimostra che non aveva ancora capito come non essere egoista a quel tempo). L'atto di "altruismo" che lei pensa di fare in Insurgent - quando durante lo scontro tra Eruditi e Intrepidi spia la conversazione di Max con Jack Kang disarmata, e il suo presentarsi successivamente al quartier generale degli Eruditi anche se le era stato chiesto di non farlo - erano azioni essenzialmente volte all'autolesionismo e non ad altro. Lei razionalizza queste azioni distruttive identificandole come altruiste, ma quando stanno per ucciderla, capisce che i suoi genitori non hanno dato le loro vite perché lei desse via la sua in quel modo, quando non era necessario. Capisce di aver voglia di vivere.

Esce fuori da quella situazione con una nuova consapevolezza: riesce finalmente a dare valore alla propria vita, inzia a voler risolvere i problemi senza ricorrere alla violenza, riesce a capire la verità ovvero comprende di non aver ancora scoperto cosa per lei voglia dire essere altruista, e capisce che l'altruismo non per forza comporta l'annientazione di sé.

Questo è il modo in cui Tris si sentiva all'inizio di Allegiant. Non era più intenzionata a rischiare alla sua vita senza motivo. Ancora, dentro di lei, aveva luogo una lotta riguardo a ciò che credeva riguardo all'altruismo - e quando Caleb si offre volontario per la missione suicida, si domanda se sia motivato dall'amore o dal senso di colpa. Si domanda se sia giusto e se sia etico lasciare che Caleb si safrichi per tutto il resto del libro. E mentre combatte con se stessa cercando di decidersi, sta combattendo anche con la sua identità; il suo costante chiedersi cosa essere altruisti significhi davvero è strettamente legato alla sua concezione di sé. Finalmente ottiene una risposta quando si ritrova a correre con Caleb verso il Laboratorio Armamenti, e pensa:

Lui è parte di me e sempre lo sarà. E anch'io sono parte di lui. Non appartengo agli Abneganti, né agli Intrepidi e neanche ai Divergenti. Non appartengo al Dipartimento o all'esperimento o alla Periferia. Io appartengo alle persone a cui voglio bene e loro appartengono a me. Loro, e l’amore e la lealtà che provo verso di loro, definiscono la mia identità molto più di quanto potrebbe farlo qualunque termine o gruppo."

Dopo questa riflessione, Tris assume lo stesso ruolo che i suoi genitori hanno avuto per lei quando sono morti. Lei sceglie di dare la sua vita per Caleb anche se lui l'ha tradita, allo stesso modo in cui i suoi genitori hanno dato le loro vite per lei dopo che aveva scelto di lasciarli per gli Intrepidi.

Ma questa volta, diversamente da Insurgent, l'atto non è autolesionistico. La capacità di Tris di resistere e di non lasciarsi sopraffare dai sieri (come le era successo con il siero della paura degli Intrepidi e dopo con quello della verità dei Candidi) funziona in un certo senso anche perché lei vuole che funzioni (come ad esempio con il siero dei Pacifici). Quindi quando affronta il siero della morte fuori dal Laboratorio e il siero non la uccide, ciò dimostra che lei non stava cercando la propria distruzione. Che il suo davvero altro che non era un atto d'amore per Caleb.

Alla fine, ha quella conversazione con David in cui gli dice ciò che pensa riguardo al sacrificio, che deve venire dall'amore, dalla necessità. Quella era una Tris che finalmente conosceva il modo giusto in cui credere nell'altruismo. Una Tris che sapeva chi era. Che sapeva ciò che voleva. In ogni libro lei ha cercato di emulare il sacrificio dei suoi genitori, ma ogni volta sembrava non capirne davvero l'entità, fino ad Aleggiant. Ed è in Allegiant, quando ha una forte consapevolezza della sua identità, quando ha una chiara comprensione di quello che lei (e i suoi genitori) intendevano per altruismo, che il suo viaggio si conclude.

Ho pensato più volte di intervenire e di salvarla da quella situazione sconveniente. Ci ho pensato e ci ho sofferto. Ma ai miei occhi, farlo mi avrebbe fatta sentire disonesta ed emozionalmente manipolativa. Questa era la fine che lei aveva scelto, e io ho capito che si era meritata un finale forte come lo era stata lei.

In Insurgent, quando sta per essere uccisa, urla nel vuoto "Non ho ancora finito!"

In Allegiant, chiede a sua madre "Ho finito ora?"

E sua madre le risponde "Sì. La mia cara bambina, sei stata così brava."

Capisco perfettamente come si possa essere sconvolti dalla perdita di un personaggio a cui si tiene, e sono così felice che voi teniate a lei, perché anche io ci tengo. Sono fiera di come questo finale rispecchi quelli degli altri libri, del modo in cui rifletta le perdite, del modo in cui mostra di che pasta è davvero fatta Tris e del modo in cui riesce a concludere il suo processo di trasformazione. Penso che il suo amore per il fratello sia bello, forte.

Ho visto una certa quantità di reazioni svariate al libro, e io le accetto e rispetto tutte. Ma il mio sentimento personale a riguardo non cambia. Lei mi mancherà, mi mancherà la voce di Tris nella mia testa. Ma sono davvero, davvero fiera della sua forza.»

✻ ✻ ✻

Ebbene ragazzi cosa ne pensate? A voi è piaciuto questo finale o no? Approvate le scelte che ha fatto Veronica? Cosa pensate di queste sue parole? Io posso solo dirvi che dopo aver letto questo post l'ho solo ammirata ancora di più. Per scrivere un finale come quello ci vogliono le palle e Veronica le ha tirate fuori ed è stata capace di fare quello che - anche secondo me - era più giusto per la trama.
Ovviamente ho sofferto anche io. Per la seconda volta nella mia vita ho pianto leggendo un libro - e questo la dice lunga - però del resto sentivo che era così che doveva andare, sapevo che era la cosa giusta. Ho apprezzato il messaggio di Veronica e ho sofferto insieme a Quattro, ho sentito il vuoto che sentiva anche lui e quando c'è stata la scena del siero della memoria ho davvero temuto che avrebbe ceduto - e quello sì che l'avrei trovato di cattivo gusto - per fortuna però così non è stato. Anche lui alla fine sceglie di essere forte. La scena conclusiva poi, in cui Quattro sparge le ceneri di Tris, è stata bella quanto straziante.

Insomma, inutile che ci stia a girare intorno, a me Allegiant (qui trovate la mia recensione) è piaciuto, ma non solo per il finale, ma proprio per il significato del libro in sé che mi ha fatto vedere tutta la saga con occhi diversi.

Aspetto con ansia di sapere anche il vostro pensiero e spero abbiate gradito questo post e la mia traduzione (visto che c'ho messo più di un'ora a farla). Alla prossima!

81 commenti:

  1. Mi sono venute nuovamente le lacrime agli occhi.. Allegiant mi ha lasciato un dolore che non credo mi passerà mai.. E nonostante tutto continuo a pensare che è stato giusto così. Non ho nulla da perdonare alla Roth.. Doveva andare così e ho accettato la cosa... Mi vengono di nuovo le lacrime pensando a Quattro che sparge le ceneri di Tris e non c'è scena più meravigliosa e triste contemporaneamente!
    un finale da bomba che condivido, anche se mi fa stare male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo tesoro, io non sono mai stata arrabbiata con la Roth... va beh che ho passato tutto il libro ad aspettare che qualcosa di simile accadesse... diciamo che ero anche pronta psicologicamente XD ma non ho mai provato rabbia durante la lettura... solo tanta tristezza :/ però il libro mi ha soddisfatta eccome U.U

      Elimina
  2. Oooooh Deni, grazie per la traduzione!! Sei sempre un tesoro!! :*
    E' stato davvero interessante, oltre che toccante (sì, mi sono messa a piangere di nuovo) leggere le sue parole e capire meglio i motivi che l'hanno spinta a scrivere quel finale, che io ho adorato. L'ammiro per il coraggio che ha avuto e per i forti messaggi che ha voluto trasmettere con quel finale, oltre che con tutta la saga, e mi dispiace davvero che molti non l'abbiano apprezzato come merita. Spero solo che leggendo le parole della Roth possano finalmente capirlo...
    Devo dire che ero preparata alla morte di uno dei protagonisti (anche se inizialmente credevo sarebbe toccata a Tobias questa sorte) perchè, sentendo cosa aveva detto durante un'intervista in cui parlava del finale di Harry Potter (aveva detto qualcosa del tipo che lei avrebbe preferito che Harry morisse veramente per rendere completo il suo sacrificio) avevo temuto che facesse sacrificare uno dei suoi personaggi, ma essere preparata non mi ha fatta soffrire meno.
    La scena in cui lei vede sua madre prima di morire, quella in cui Tobias vorrebbe annullarsi, Tobias che sparge le sue ceneri sono scene davvero troppo strazianti, ma nonostante il dolore avevo compreso benissimo il messaggio che la Roth voleva darci e ho trovato questo finale davvero perfetto e coerente sia con la personalità dei vari personaggi che con le scelte che avevano fatto in precedenza.
    E' stato un finale doloroso, ma assolutamente perfetto per questa saga, una delle più realistiche (nel modo in cui vengono affrontate le relazioni umane e i sentimenti) che abbia mai letto e una delle poche che ha saputo trasmettermi messaggi così forti!!
    Alla Roth non posso dare altro che la mia più grande ammirazione!! :')

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati, è stato bello tradurre queste parole *__*
      Anche a me dispiace tantissimo che a tanta gente il libro non sia piaciuto :( ma va beh, alla fin fine si tratta anche di gusti... che ci possiamo fare :/
      Io l'ho amato tantissimo e non mi stancherò mai di dirlo U.U
      E beh anche io ero pronta alla morte di uno dei due... e sapevo quella cosa dell'intervista su HP (che poi non è che abbia tutti i torti a riguardo LOL).
      Anche io ammiro tanto la Roth e spero di poter leggere presto qualcos'altro di suo :3

      Elimina
  3. Allegiant è stata una vera sofferenza. Ho pianto quasi tutte le lacrime che avevo per questo libro, mi è capitato davvero poche volte.
    Per quanto abbia sofferto non posso criticare la scelta della Roth di far morire Tris. Si, mi sarebbe piaciuto vederla "felice e contenta" con Quattro, vedere la loro nuova vita insieme ma credo che la sua morte non sia stata vana. Si è sacrificata per amore: dei suoi amici, di Quattro e soprattutto di Caleb. E' stata una morte "ragionata" e non buttata lì per caso.
    Naturalmente ho realizzato queste cose solo qualche giorno dopo aver terminato il libro, a fine lettura non ero capace di fare ragionamenti di senso compiuto..La scena di Quattro che sparge le ceneri di Tris mi ha spezzato il cuore :(
    Non credo che riuscirò a guardare Divergent al cinema senza piangere :( al che credo che spoilererò il finale a mezza sala e verrò cacciata dal cinema xD

    RispondiElimina
  4. Ciao, dico la mia anche se il libro non l'ho letto, né ho intenzione di leggerlo. Diciamo che il mio è il parere di qualcuno che ha visto scatenarsi on-line la reazione, che mi ha fatto riflettere su come alcuni lettori - ma diciamo pure una gran parte - sentano di avere il diritto al lieto fine, e che un autore sia moralmente obbligato a dare loro quello che vogliono e non quello che la storia porta.
    Personalmente ho imparato a otto anni che non è così scontato che vivranno tutti felici e contenti, quando ho visto Lady Oscar (se non l'avete mai visto, rimediate). E ora... ora leggo Martin.
    http://i930.photobucket.com/albums/ad146/MordredLullaby/anigif_enhanced-buzz-1010-1370624396-10_zpse9b10f62.gif

    Condivido quello che dice la Roth, anche se trovo peculiare che si sia sentita spinta a scrivere questo post in primo luogo: dover spiegare perchè ha ucciso un personaggio per via di una fanbase così oltraggiata da dare voti bassi al libro solo perchè il finale non è quello che si aspettavano... non sono per nulla una sua fan, ma rispetto il non essersi piegata a quello che il mercato voleva e di aver creato un percorso coerente per il personaggio.
    E complimenti per il suo punto di vista maturo rispetto alle critiche negative :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah Martin :P non l'ho ancora letto (ho visto solo le prime stagioni del telefilm) ma lo so bene che fa fuori tutti senza pensarci troppo U.U
      Comunque hai assolutamente ragione. Molto più spesso di quanto non si voglia, nella vita non c'è il lieto fine, dunque non lo si può pretendere sempre e comunque! E la Roth è stata brava a fregarsene e a far finire il libro come doveva...

      Elimina
  5. io non ho letto Allegiant ma ho letto lo stesso il post perchè mi ero spoilerata la fine di Tris, anche perchè me l'ero immaginata, avevo i miei sospetti din da Insurgent, Finora ero indecisa se leggerlo o meno, ma sopo le parole della Roth credo di aver già cominciato a far pace con l'idea della morte di tris. i personaggi devono essere lasciati liberi di agire e tutto ciò che ha fatto Tris, tutto ciò che è la porta a quel punto e visto così è la giusta conclusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lara ormai con tutti questi spoiler che ti sei fatta, sei pronta :P hai già superato il trauma prima di leggere il libro XD sei a buon punto!

      Elimina
  6. Complimenti per l'argomento, Deni!
    Allora, io mi sono cercata di proposito il finale. Come sai non ho amato Divergent, ma ero curiosa di sapere la fine e la Roth mi ha sorpresa!
    Personalmente credo sia stato meglio così se lo richiedevano le circostanze. E' stato un finale un po' alla 1984: spiazzante. Nei libri a volte le morti sono necessarie, anche quando strappano un pezzettino del tuo cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Io infatti non piango mai per i libri... mi era capitato solo una volta prima di Allegiant... poi la Roth è riuscita a farmi piangere la volta numero due... però questo mi ha solo portato ad apprezzare il libro di più :)

      Elimina
  7. Rispondo prima di leggere la traduzione del post della Roth.
    A differenza di molti io ho amato il finale, ho trovato che fosse assolutamente coerente con la storia e la struttura creata dall'autrice ma sopratutto in linea con l'evoluzione del personaggio di Tris che si è dimostrata una protagonista straordinaria e di grande ispirazione. Grazie a lei, alle sue scelte, anche in Insurgent e Divergent è possibile un'aperta riflessioni su molti elementi e molti concetti come appunto il sacrificio, di amore ma anche la responsabilità delle proprie azione, la capacità di cominciare un percorso interiore, si parla di etica e di morale senza però diventare lagnoso o didattico. Non ho trovato nulla di assurdo, sgradevole, ingannevole nel finale di Allegiant. Ovvio, da un punto di vista emotivo, ti strappa il cuore e non puoi che provare una sorta di malinconia anche a giorni di distanza dalla fine della lettura ma sai che doveva andare così, finalmente, in quell'atto finale Tris ha trovato se stessa, ha compreso il valore del sacrificio fatto per amore e il valore di quel gesto. Sminuire quella scena con una scappatoia significava cancellare l'intero percorso fatto da Tris e il valore delle scelte.
    e ora vado a leggere il post della Roth :P

    Elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh direi che essenzialmente tu e la Roth la pensate allo stesso modo, te ne sarai accorta dopo aver letto il post :3
      E beh, anche il la penso dannatamente così U.U

      Elimina
  8. Io non potevo crederci. Ok, lo ammetto: non ricordo in quale blog ho letto un'intervista della Roth in cui dice che nella saga di HP avrebbe fatto morire Harry. Quindi ho collegato e ho pensato subito: chi farà morire allora nella sua saga? Mi è venuto subito questo puntino che non mi ha mai abbandonata durante la lettura di Allegiant. Al momento in cui le sparano però avrei voluto tirare una testa al muro però mi sono detta "ok, tanto non morirà ma sarà curata". Quando Tris e Quattro si salutano sulle scale perchè lui tornerà in città però mi si è spezzato il cuore perchè infondo sapevo che quello sarebbe stato l'ultimo bacio e quelle le loro ultime parole. Anche io poi ho rivisto la saga con occhi diversi, soprattutto perchè inizialmente ho odiato Tris, che si sacrifica per suo fratello, anche perchè con tutto quello che le ha fatto......... Poi ho capito e la scelta di far morire la protagonista... beh hai ragione: ci vuole del coraggio e lei lo ha avuto. A me ha rattristato moltissimo anche la morte di Uriah, speravo che non morisse anche lui però infondo sono stata malissimo ma la scelta di farli morire, beh mi è piaciuta. Soprattutto perchè mi ha sconvolta e non potevo crederci. E un libro deve sconvolgermi.
    E' vero: il finale, quando spargono le ceneri, è stato commovente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh anche io immaginavo avrebbe fatto morire qualcuno... a un certo punto ho avuto paura che invece avesse cancellato la memoria a tutti durante la lettura °__° ed ero tipo "no, eh!" io invece non mi aspettavo - nonostante aspettassi qualcosa - che quella scena tra Tris e Quattro fosse l'ultima T__T e non volevo crederci lo stesso ch Tris era morta a quel modo... infatti dopo un po' di capitoli, quando poi non era più precisato che il punto di vista era quello di Quattro e ho capito che la cosa era definitiva, sono andata indietro e mi sono riletta l'ultima scena con Tris T__T

      Elimina
  9. Condivido in pieno. Il finale mi ha fatto male, ma era giusto così... ;_;

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già T__T non poteva proprio finire diversamente secondo me... quando andrò al cinema venerdì, sapendo come andrà a finire... come farò a star tranquilla e a far finta di niente? XD

      Elimina
    2. Ecco il film... io l'ho già visto, e in linea di massima mi è piaciuto, le due ore passano che è un piacere, però mi è dispiaciuto che Christina, Will, Peter e tutti i personaggi secondari siano caratterizzati davvero poco.

      Elimina
    3. Finalmente l'ho visto anche io :3
      Sì è vero, non sono molto caratterizzati, però secondo me era impossibile farci stare tutto il libro XD poi magari non mi ha nemmeno infastidito più di tanto perché tanto mi sembrava già di conoscerli avendoli visti su carta...

      Elimina
  10. Mah. Io non l'ho trovato un finale rivoluzionario, coraggioso, particolarmente sadico. Era giusto così. La Roth mi ha fatto - anche questa volta - qualche scivolone di troppo, ma nell'ultima parte l'ho apprezzata di più. Quello di HG è più nero, come finale. Questo è molto sensato e perfettamente in linea col personaggio della protagonista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quindi tipo, ti è piaciuto e allo stesso tempo non ti è piaciuto? LOL

      Elimina
    2. Tutti parlano di Tris...del fatto che fosse giusta la sua morte ecc.
      ma nessuno o quasi parla di Tobias.
      La loro storia d'amore era fortissima ( per questo motivo vorrei uccidere tutte quelle che su watt pad per esempio scrivono un seguito basato su quattro e un'altra tipa )....era fortissima e straordinaria e sinceramente non è stato difficile capire come sarebbe andato a finire il libro. Io l'ho capito principalmente dal loro saluto... quando lui sta per partire e rientrare a Chicago si salutano in un modo particolare e quasi strano...insomma dal modo in cui si salutano si capisce che succede qualche cosa.
      Io sono un'esperta di questi finali perché ho letto tantissimi libri così e ho visto altrettanti film..anche in grey's anatomy ( per chi sa che cos'è ) quando Derek muore tutto è anticipato da un saluto strano tra lui e la moglie...Meredith infatti gli dice " dovrei venire con te " prima della partenza del marito, e il concetto è lo stesso di allegiant. In grey's anatomy lui muore mentre è al telefono con la moglie e ciò per dimostrare quanto sia forte il loro amore. In poche parole adoro la Roth perché ha avuto le palle per scrivere un finale del genere...non solo per le motivazioni che riguardano solo Tris ma anche per il finale che ha dato ad una storia d'amor così forte che ha superato alti e bassi!!! In allegiant lei muore mentre lui sta pensando a lei...magari per molti sarà un piccolo particolare ma per me significa tantissimo.

      Elimina
  11. All'inizio ero arrabbiata. Che dico, furiosa, furibonda, incazzata come una iena. Avrei preso la testa di Veronica Roth e l'avrei spappolata contro un muro. Ecco, ero giusto un pochino fuori di me. Lo sono stata per un po'. Non ci posso fare nulla, io spero sempre in un lieto fine. E mi ha fatto troppo male, per Quattro. Mi si è spezzato il cuore. Ma poi ci ho riflettuto un po' su, e ho capito. Continua a far male, ma ho capito. Inaspettato, sconvolgente, ma non per questo l'ho amato di meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah *si immagina Vanessa che spiaccica la Roth contro un muro*
      Beh dai, è normale reagire così all'inizio XD l'importante dopo è riflettere, capire... accettare... tipo le fasi del lutto LOL negazione, rabbia, dolore, accettazione (o qual che è) XD

      Elimina
    2. Secondo me, mio parere, questo finale è stato terribile. Si apprezziamo tutti il sacrificio di Tris, ma comunque fin da Divergent ci si aspettava che la coppia "Tris e quattro" non sarebbe mai morta...ci doveva essere un lieto fine bello, ma evidentemente la Roth ha voluto tagliare la corda prima che si rompesse. Si lo ammetto, sono molto delusa di questo finale, tanto che cercherò di scordarmelo. Ogni saga di questo genere deve avere un lieto fine, la protagonista o il protagonista non può morire.

      Elimina
    3. Io la vedo diversamente invece... secondo me i libri non devono finire sempre bene per forza... una volta tanto ci sta una fine tragica o drammatica. Il messaggio trasmesso è comunque positivo... alla fine il mondo diventa un posto migliore grazie a lei. Certo Quattro non la dimenticherà mai, e noi lettori nemmeno, però non è stata una morte inutile, un sacrificio vano.
      Se fosse sopravvissuta la fine non sarebbe stata altrettanto veritiera e realistica. Purtroppo nella vita non sempre finisce bene... e dunque è bene che ci siano libri pronti a dare una fine diversa, ma più vicina alla realtà seppur dolorosa :)

      Elimina
    4. Sinceramente mi ha sconvolta la fine di allegiant, mi é dispiaciuto un sacco per tobias e Tris non avrebbe dovuto morire, ma mi é piaciuta lo stesso la saga.

      Elimina
  12. Non ho potuto commentare il post prima perché ho terminato la lettura solo l'altro giorno >.<
    Devo dire che dai commenti poco felici di questi mesi anche io mi aspettavo la morte di uno dei due grandi personaggi... questo non vuole dire che ci sia rimasta bene >.<

    Dopo lunga e attenta riflessione posso dire di essere pienamente d'accordo con te Deni.
    Si vede che la morte di Tris è stata studiata dalla Roth alla perfezione, non è stato un capriccio dell'autrice o un modo per creare scompiglio tra i fan e far parlare del libro.
    E' stata l'evoluzione ultima del suo personaggio.
    L'amore prima della fazione.
    La Tris che abbiamo imparato a conoscere non avrebbe mai lasciato andare Caleb (nonostante se lo meritasse >.< brutto maledetto >.< io ti ci avrei mandato a calci nel sedere!)
    La sua morte mi ha fatto male, come mi ha fatto male la morte di Uriah e di Will e dei genitori di Tris...come fa male ogni morte.
    Mi ha fatto male in particolar modo per riflesso al dolore di Tobias ç_ç vedere i miei personaggi preferiti soffrire mi procura dolore fisico :(
    Ma non posso dire di odiare la Roth; ho amato Allegiant come ho amato gli altri due volumi della saga, appassionatamente e totalmente.

    *abbracciocollettivo*

    ps Ottima idea quella del post ;D molto liberatorio :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'amore prima della fazione *__* non potevi dirlo meglio! Tris ha messo alla fine l'amore prima di tutto, prima di se stessa T__T
      Per piacere... io ieri guardavo il film e imprecavo mentalmente contro Caleb del tipo "grrr brutto traditore -_- Tris morirà per colpa tua" XD
      Il dolore di Quattro è stato davvero straziante, sì, ma realistico :(

      Elimina
  13. Ottima idea quella del post! Comunque io ci sono rimasto malissimo con il finale di Allegiant.Lo condivido si,ma i parte.Dopo tutte le peripezie,le morti e gli ostacoli affrontati mi aspettavo che la Roth avrebbe risparmiato Tris,anche perchè l'idea del sacrificio se la poteva far venire in mente Caleb! >.< Un ipotetico finale che mi sarebbe piaciuto consiste nel salvare Tris e TOBIAS(tobaias suona orribile) a costo di far perdere la memoria a quasi tutta la popolazione di Chicago.Del resto a chi sarebbe piaciuto vivere una vita in un posto dove devi essere per forza omologato a un'ideale,come per esempio l'intelligenza o l altruismo,senza poter decidere veramente e incondizionatamente ciò che vuoi diventare?A mio avviso,il bello di questa storia(non mi riferisco a quattro xD) è il conrasto che si viene a creare durante i libri.Infatti,in Divergent,per Tris essere ua Divergente era un ostacolo,un qualcosa che la distaccava dagli altri,insomma qualcosa che lei temeva,mentre in Allegiant si ritrova a ringraziare se stessa per essere divergente e quindi a ricredersi.In conclusione,come si può evincere,credo,non condivido affatto il finale non perchè mi ha spezzato il cuore,ma perchè in fondo alle persone di Chicago avrebbe fatto comodo dimenticarsi di essere costretti a vivere secondo un solo ideale,quindi in una sola fazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me salvare solo Tris e Tobias e far perdere la memoria al resto sarebbe stato davvero inutile ai fini della narrazione, non avrebbe proprio avuto senso. Certo, avrebbe potuto salvare lei e amen, però secondo me ha fatto una scelta narrativa forte, azzeccata e ben studiata!

      Elimina
  14. Mentre leggevo gli ultimi 10 capitoli piangevo e piangevo, non riuscivo a fermarmi ed è strano perché sono una persona che non si lascia facilmente prendere dalle emozioni, anzi quasi mai!!! Non mi sono ancora "ripresa" dal finale del libro che per me è stato un vero e proprio trauma!! Speravo tanto di incontrare la Roth per starda e tirarle un gancio destro seguito da un bel calcio (anche se non sono esperta in cose del genere). Credo, ho sempre creduto e continuerò a credere che nei libri coloro che si adoperano per il bene devono ricevere il bene, per me è obbligatorio che venga dato loro il proprio lieto fine ed è proprio questo che la Roth non ha fatto e non riesco ad accettarlo!! Avevo già immaginato la nuova vita che Tris e Quattro si sarebbero costruiti insieme, anche con l' inferno intorno a loro, ma insieme e innamorati. Forse è stato dato uno slancio e un finale diverso da quello che penso la maggior parte dei lettori si immaginava, ha infuso alla storia "colore" ma io non lo accetto comunque e non penso che riuscirò ad accettarlo. Nei libri, io cerco le vite delle altre persone per impadronirmene ed impersonificarmi nei personaggi per scappare dalla mia vita incasinata ed è per questo che volevo un lieto fine. La storia e comunque avvincente anche se mi ha spezzato il cuore e prima che lo dimentichi ci vorrà un po', ancora ora se ci ripenso piango...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo post! Condivido la tua opinione :'(

      Elimina
    2. Secondo me è questione di punti di vista... non sempre i libri devono finire bene. Io la penso così. Insomma, ok... li si legge per lo più per svagarsi, ma ogni tanto questi finali così ci vogliono per ricordarci che la vita non è sempre tutta rosa e fiori...

      Elimina
  15. Io per ora ho letto solo fino a metà di insurgent ma già mi aspettavo un finale così. Lo so, sono un'idiota, non riesco a resistere alla tentazione degli spoiler. Ora in pratica sono sotto shock... Ma dopo aver letto il punto di vista della Roth credo che valga la pena leggere l'ultimo libro anche semplicemente per capire se essere d'accordo con lei o no... Ora sono troppo shokkata per capirlo :")

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no vai a caccia di spoiler? XD
      Va beh, almeno ti sei preparata psicologicamente!

      Elimina
    2. Magari l'avessi fatto io! Così ora non mi ritroverei a piangere come una fontana.
      Sono inconsolabile.

      Elimina
  16. Ho finito Allegiant da poche ore. Sono sconcertata e non riesco ad accettarlo, nemmeno leggendo qui il suo post (a proposito: grazie per la traduzione!).
    Quello che mi ha toccata di più di questa faccenda è che il mio ragazzo (con cui sto da più di 2 anni, mi ci sono messa a 16 anni e lui ne aveva 18, guarda un po' il caso!) è gravemente ammalato... é dall'anno scorso che stanno cercando di capire cos'abbia e lui peggiora sempre più, ma non trovano niente e non possono curarlo. Io ho paura di perderlo, non posso vivere senza di lui... E l'ultima cosa che mi serviva era questo finale... Se mi rifugio nei libri è anche per sentirmi libera dalle sofferenze della vita reale. Per questo non posso e non voglio accettare il finale della Roth. Scusate per lo sfogo, ma mi riesce più facile aprirmi con degli sconosciuti che non mi conoscono che con le persone che mi stanno accanto, con loro indosso la maschera della ragazza forte, ma tenersi tutto dentro ho capito che è distruttivo...
    Ad ogni modo, non avevo letto spoiler prima, mi sono in un certo senso fidata dell'autrice e ora mi sento tradita.
    So che la prendo troppo sul personale, ma è così che mi sono sentita...
    Comunque leggendo i vostri commenti mi sento meglio, mi hanno riportata nel mondo reale e mi hanno ricordato che è solo un libro! Un bel libro, nonostante tutto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca mi dispiace tanto :/
      Effettivamente deve essere stato un brutto colpo per te... insomma, vista la tua situazione... leggere di qualcuno a cui è capitata una cosa che ti coinvolge così - anche se si tratta di un libro - è brutto, brutto... soprattutto se nemmeno te lo aspettavi e leggevi per evadere dai tuoi problemi :/
      Anche perché gli ultimi capitoli sono davvero tristi e strazianti :( immaginare di poter vivere una cosa simile deve essere terribile! Anche io sto col mio ragazzo da quando eravamo ragazzini e se dovesse capitarmi di perderlo non so come farei...
      Spero tanto riescano a capire cosa ha e che riescano a curarlo e finisca tutto per il meglio e che almeno voi abbiate un bel lieto fine :)

      Elimina
    2. Grazie mille... Lo spero tanto anche io...
      Non so nemmeno cosa dirgli, oggi mi ha detto che sta quasi pensando di mollare... Io gli ho risposto che andrà tutto bene e di tenere duro, ma lui non mi crede... Però io lo penso davvero e spero di non illudermi!
      Tra l'altro ho notato un'altra coincidenza particolare: il giorno in cui hai scritto questo articolo era il giorno del nostro anniversario! :) lo prenderò come buon segno, visto che ci hai augurato un lieto fine! <3
      Auguro il meglio anche a te e il tuo ragazzo!

      Elimina
    3. Grazie Francesca :)
      Incrocio le dita per voi allora! E dì al tuo ragazzo di non mollare mai e di pensare alle cose che belle che ha e per cui vale la pena lottare! Un abbraccio ♥

      Elimina
  17. Buongiorno! Ho terminato pure io da poche ore la lettura di Allegiant, e devo dire che ben poche volte una serie di libri mi ha appassionato in un modo così profondo come quella di Divergent. Ho scoperto la serie meno di un mese fa (lo ammetto, più o meno quando ho iniziato a vedere il trailer del film) ma ho rimediato alla grande leggendo tutti e tre i libri d'un fiato (evitando accuratamente spoiler) fino ad arrivare alla conclusione. E ci sono rimasto male...un male causato della tristezza che mi ha lasciato, dalla sofferenza che mi sono sentito dentro, male a tal punto da non capire se fosse dovuto al fatto di essere stato preso forse troppo dalla storia oppure se ci fosse qualcos'altro sotto. Allora, preso dalla curiosità ho finalmente cercato. Devo essere onesto: ti devo ringraziare! Leggere questo tuo post mi ha permesso di capire molte cose, di inquadrare il fatto che molti hanno sentito gli stessi miei sentimenti e ho capito perché la scrittrice ha fatto questa scelta coraggiosa anche se "devastante". Sinceramente anche io mi aspettavo un lieto fine, dopo tante difficoltà passate da Tris sembrava scontato ed invece è andata diversamente...però, seguendo il discorso della Roth, il finale per me regge, anche se mi ci vorrà un pò per digerirlo. L'amaro in bocca rimane, ma di sicuro non intaccherà il mio giudizio sul libro e sulla serie intera, che giudico ottima e che continuo a consigliare a chiunque mi chieda un giudizio a riguardo!

    RispondiElimina
  18. questo è ciò che penso al riguardo :)
    http://claudiocommentilibri.blogspot.it/2014/04/sul-finale-di-allegiant.html

    RispondiElimina
  19. Divergent Insurgent e Allegiant sono stati dei libri fantastici che mi hanno emozionato sin dal primo momento.
    Veronica scrive in un modo indescrivibile impedendomi di staccarmi dal libro.
    Devo ammettere che il finale con Tris che muore mi ha veramente contrariata
    ma allo stesso tempo mi ha emozionata e ho pianto tantissimo.
    Dopo che ho letto cio' che Veronica ha detto ho cominciato a pensarci su e devo dire che ha ragione. Che finale sarebbe se fosse stato come la maggior parte delle persone (compresa me ) voleva? Carino ,si ma deludente.. non ci sarebbe stata quell 'emozione e quel colpo di scena che mi ha cambiato tutto il significato del libro ed é stato bellissimo.
    Veronica Roth io ti ringrazio perché i libri che hai scritto mi hanno riempito di tante emozioni che non so come descriverle. Non ho mai letto un libro con cosi tanta foga.
    Grazie ,per aver riempito anche le mie giornate piu' cupe.

    RispondiElimina
  20. Ho adorato questa trilogia e quando ho letto il finale sono arrivate anche le lacrime . Sebbene avrei preferito un finale diverso, in cui Tris e Quattro potessero finalmente stare insieme senza più pericoli e sofferenze, la conclusione di Veronica è altrettanto bella, forte ed emozionante (proprio come deve essere un libro) . Il suo finale sottolinea la forza di Tris che è emersa negli altri libri. Forse non poteva esserci una differente conclusione. Mi mancherà Tris, era un personaggio davvero bello e penso anche completo, in alcune occasioni tutti i lettori potevano rispecchiarsi in lei.

    RispondiElimina
  21. Appena finito di leggere allegiant. Ho letto i 3 libri in 13 giorni tanto mi sono appassionato. Mi sono piaciuti tutti e 3. Come tanti sono amante del lieto fine e stavolta il finale mi ha deluso, ma non mi lascio andare a commenti negativi sul libro che globalmente è ok. Anche perché ho preferito inventarmi personalmente il finale a lieto fine e mi piace pensare che il libro sia finito cosi. Siamo liberi di fare anche questo noi lettori. Un saluto a tutti in particolare alla Blogger

    RispondiElimina
  22. Grazie mille per la tua traduzione ci credi sto piangendo (sono una stupida sentimentalista) quando tris è morta mi sono sempre chiesta perché perché ha lasciato lui perché non è morto Caleb non doveva morire e piangevo come una fontana il dolore di quattro l'ho vissuto come se fosse mio c'era una crepa e un vuoto dentro il mio cuore perché quando un libro ti prende davvero diventi tu la protagonista e anche se lei non c'è piu vivrà sempre nei nostri cuori e nel cuore di quattro e sentiremo la sua voce rimbombarci nella testa ogni volta che penseremo a lei alla sua forza e coraggio oddio sto piangendo come una scema!!! grazie della tua traduzione un bacio
    Flavia -

    RispondiElimina
  23. Ho appena scoperto questo sito e ti devo ringraziare(soprattutto per la traduzione ) .
    Io mi sono letteralmente strafatto dei tre libri non uscendo neanche di casa a volt avendoli letti tutti e tre in nove giorni .
    Il finale e' bellissimo azzeccato sensato ,ma essendo una persona (emotivamente e fisicamente ,non per questioni famigliari per fortuna XD) moooolto simile a quattro mi ha lasciato shoccato e la voglia di piangere (cosa che ho fatto 2 volte )era tanta .il turbinio di emozioni che mi ha regalato la roth e' bellissimo e infinito .mai successo prima d ora per un libro
    Scelta letteraria da 10++ emotiva ....T_T GRAZIE ANCORA !

    RispondiElimina
  24. Ho finito stanotte la lettura di allegiant. .. E devo essere sincera, mi sento presa in giro. Ho visto prima il film e poi ho scoperto l esistenza dei libri. X quanto possa capire le motivazioni che hanno portato a questa scelta io non posso e non voglio accettare questo finale. Ti immedesimi con i personaggi, ti affezioni a loro, vedi un libro dopo l altro le sofferenze che sono costretti a subire i personaggi principali e in tutta onestà mi aspettavo almeno un finale che permettesse a tris e quattro di essere felici almeno x il finale della loro vita. Infondo stiamo parlando di una ragazza di 16 anni che è stata costretta ,anche se la sua natura non era propensa, a dedicare la sua vita agli altri facendo parte degli abneganti, senza mai poter pensare a se stessa, una ragazza che perde già nel primo libro entrambi i genitori, che è costretta dalla situazione ad uccidere il suo migliore amico, che per poco perde anche la sua migliore amica a causa di questo gesto, che viene tradita dal suo stesso fratello che la fa torturare e quasi uccidere dal proprio nemico ovvero gli eruditi, che x tre libri non riesce mai a trovare un po di pace e di tranquillità né con sé stessa né con quattro, che se non ho capito male non pprova nemmeno cosa vuol dire l intimità con il proprio amore della vita. . . E alla fine muore pure?! Lasciando quattro a una disperazione sorda e senza speranza. . . Dopo tutto quello che anche lui ha passato e il suo meritarsi anche lui soltanto di avere una persona finalmente al suo fianco che la ami x davvero. . . Dico sul serio. . . Qual è il messaggio positivo in tutto questo? Qual è il senso? Ha lasciato in vita praticamente tutti i personaggi negativi di questa saga, e i personaggi che si sono sempre sacrificati, che hanno avuto la vita più schifosa possibile non hanno nemmeno un finale felice?! Perché?! A volte si legge x evadere dalla realtà, e x questo magari almeno nella finzione sarebbe bello poter avere un lieto fine. . .Questo finale lascia a mio avviso vuoti, senza nient altro che lacrime da versare. . .Senza speranza, senza niente. Probabilmente se sapevo così non avrei mai visto il film e nemmeno letto i libri. Ovviamente è il mio parere personale

    RispondiElimina
  25. Premetto che ho passato un pomeriggio a piangere per questo finale, ma ho un solo appunto. Dopo aver letto la spiegazione della scrittrice capisco che la morte di Tris non è stata totalmente vana ma è servita per esprimere il bene che voleva a suo fratello e al significato che finalmente lei da al termine sacrificio (non più autolesionismo). Solo che non riesco a spiegarmi perchè tutto l'amore che mostra nei confronti di Caleb debba "annullare" o "diminuire" quello per Tobias.. Io mi immaginavo un finale "da favola" lo ammetto, non senza problemi ma che almeno l'amore tra loro rimanesse costante, solo che lui l'ha seguita, l'ha aiutata, l'ha amata ecc per tutti i libri, però la molte delle cose che Tris ha fatto (con tutte le motivazioni) sono state mentirgli o tradirlo. Il sentimento che li univa viene rimpicciolito nel momento in cui lui viene molto spesso messo in secondo piano. Anche se sono per lui le ultime parole che Tris dice non si ferma davanti al fatto che la sua scelta lo "romperà". Questo è quello che non mi va giù, principalmente il fatto che lei mette davanti molte persone (che la hanno anche tradita) davanti alla sua nuova famiglia cioè Tobias

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho terminato di leggere Allegiant questo pomeriggio e porto con me ancora il dolore del finale. Condivido a pieno il pensiero che Tris ha pensato a tutto meno che al dolore che avrebbe provocato con la sua morte e soprattutto a Tobias. Come può avergli fatto una cosa del genere?

      Elimina
    2. Io so di non fare una cosa giusta e corretta nei confronti dell'autrice ma... mi sono creata un nuovo finale (cercando anche un po su internet) che mi ha dato la voglia di rileggere la trilogia, ho pianto ancora ma di gioia non di tristezza. Ovviamente il finale era più corretto nei confronti di Tobias <3

      Elimina
  26. Al termine di Allegiant ero furioso, incazzato nero e triste..Dopo tutte le sofferenze e tutti i sacrifici che Tris e TobIAS (tobaias fa veramente senso) hanno affrontato insieme e dopo che alla fine si sono riappacificati capendo veramente come "mandare avanti il loro rapporto" la Roth me la uccide..Personalmente rispetto la scelta della roth ma non la condivido

    RispondiElimina
  27. mi sono appassionata subito ai libri, gli ho divorati, ma cm ho letto il finale, è cambiato tutto! !! sn molto delusa, per me è inconcepibile che muoia la protagonista, sinceramente la poteva risparmiare, gia ne ha fatto morire di personaggi!!! sono passata dall entusiasmo, alla voglia di lanciare il libro dalla finestra...nn sarà sicuramente una trilogia che rileggero'...

    RispondiElimina
  28. Mi viene solo una cosa in mente, ciao mia cara Tris.

    RispondiElimina
  29. Salve, ho trovato questo Blog adesso, e anche io ho finito di leggere Allegiant proprio oggi... non mi aspettavo che Tris morisse... avevo letto che il finale era tragico, ma mi aspettavo un finale alla Hunger Games, cioè con un mezzo happy Ending... la morte di Tris è stata una "morte con distacco" è dovrebbe fare scuola a chiunque.
    Wow. Uccisa in una maniera talmente improvvisa, brutale e fredda che ho passato un minuto buono a credere che fosse una sequenza onirica, o qualcosa del genere. Nessuna preparazione all'evento, complimenti alla scrittrice... adoro i lieto fine, ma quanto capita che una morte non sia casuale, ma ben orchestrata allora un applauso ci sta tutto!
    Per il resto non ho capito una cosa del romanzo... i GD erano veramente danneggiati o era solo una scusa del governo per controllare le masse come davvero pensavano i protagonisti? Perchè se davvero fosse così, come si spiegano le guerre e la violenza oltre la norma che aveva praticamente distrutto la civiltà? Sono io che non ho capito un passaggio, ho veramente la Roth ci lascia con questo dubbio? Perché se è veramente così, hanno azzerato la memoria all'unica possibilità del genere umano di poter guarire da questa degenerazione genetica... non metto in dubbio che i GP trattavano malissimo i GD, ma questo non vuol dire che non avessero ragione sul fatto che fossero danneggiati... voi che ne pensate?

    RispondiElimina
  30. Francesca
    Ho letto ora perche ero troppo troppo curiosa e sono rimasta di sasso...nononononoooo....pensavo....e se facessimo una petizione per un finale diversoagari da avere giusto in formato elettronico???chissa come verrebbe accolta la richiesta.....

    RispondiElimina
  31. Francesca
    Ho letto ora perche ero troppo troppo curiosa e sono rimasta di sasso...nononononoooo....pensavo....e se facessimo una petizione per un finale diversoagari da avere giusto in formato elettronico???chissa come verrebbe accolta la richiesta.....

    RispondiElimina
  32. Divergent e la sua trilogia mi ha appassionato tantissimo (e questo è un eufemismo) più di qualsiasi altro libro...ho provato un sacco di emozioni tanto che in una settimana e mezza li ho letti tutti e tre...mi è piaciuto tantissimo...ovviamente il finale di Allegiant mi ha lasciato sconvolta tanto che anche adesso rileggendo questa pagina ho pianto di nuovo...inoltre io sono un inguaribile romantica e secondo me la scelta di far morire Tris, non dico che non sia stata "corretta" o "coraggiosa" da parte della Roth, secondo me non è giusta per la storia d'amore vissuta con Tobias...infatti io non mi aspettavo proprio che Tris veramente scegliesse di sacrificare la sua vita per l'umanitá non pensando al dolore che avrebbe lasciato in Tobias, ormai la sua famiglia...potevo pensare che avrebbe fatto questa scelta per salvare suo fratello e le persona che amava ma non credevo che sarebbe davvero morta per questo...sono rimasta di sasso perché nelle pagine precedenti il capitolo della morte di Tris lei capisce veramente che vuole vivere la sua vita e che ama profondamente Tobias e non stanno assieme solo per consolarsi ma perché è vero amore...Sono d'accordo col fatto che lei abbia capito il sacrificio cosa vuol dire non come in Insurgent che è andata al quartiere degli eruditi consapevole che sarebbe andata in contro alla morte per soffocare il senso di colpa...sono d'accordo che era pronta a sacrificarsi per l'amore di tutti...ma proprio per questo motivo non l'avrei fatta morire aveva capito cosa voleva dire sacrificio e cosa voleva dire vivere e amare, l'avrei salvata anche solo per il grande amore che provava per Tobias che non si meritava di perderla...per questo sono rimasta sconvoltaa...in effetti la Roth mi è sembrata un po crudele in questo senso...infatti nella mia fantasia di lettrice ho creato un nuovo finale in cui lei si salva e vive la sua nuova vita con Tobias :)...anche se il finale struggente tutte le volte si ripresenta...sarei felice anche io di vedere un finale diverso in cui le sopravvive e vive la sua vita con Tobias :)...magari anche nel film? Voi che ne pensate di tutto questo :)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io concordo con te al 100%.. Almeno se proprio tris deve morire fa morire anche quattro.. Anche se davvero non essendo un libro allegro o scontato almeno il finale poteva esserlo

      Elimina
  33. La trilogia l'ho amata subito, dalla prima pagina.Soprattutto la storia d'amore di tris e tobias. E diciamo che il finale mi ha... Traumatizzato... Non posso credere che tris sia morta..:'( Ma dopo la traduzione che ho letto ho capito che forse era necessaria questa morte.... Sono molto triste comunque però..

    RispondiElimina
  34. Sinceramente anche dopo aver letto le parole della Roth mi trovo ancora a detestare questo finale persino dopo parecchi giorni che ho terminato Allegiant, questo perché dopo una saga così dove Tris e Quattro si trovano a scappare e risolvere problemi in continuazione confrontati anche con parecchie morti, il dolore di Tris per la perdita dei suoi genitori e il senso di colpa per aver ucciso Will il lieto fine mi sembrava d'obbligo ed era anche quello che mi spingeva nella lettura dei libri.(non ero andato a cercarmi spoiler)
    Non avevo minimamente pensato che potesse far morire veramente uno dei due protagonisti mi sembrava troppo crudele e invece è andata proprio così e non credo che accetterò mai questo finale perché è ingiusto secondo me dopo una saga dove i momenti felici si potrebbero riassumere in pochissime pagine negare a Tris e a Quattro il loro lieto fine, certo è coerente con il resto della saga ma non è di certo realistica una storia cosi drammatica e come se non bastasse la Roth a voluto anche farci sentire tutta la disperazione di Quattro.
    Voglio concludere dicendo che quando leggo un libro è per svagarmi da tutto quello che mi circonda, so benissimo che la vita non è tutta rose e fiori, ma è proprio per questo che cerco di svagarmi con la lettura e non mi serve un libro che me lo ricordi in continuazione per poi dare la pugnalata finale

    RispondiElimina
  35. quando uno scrittore si sente di dover dare spiegazioni per il finale di un suo libro...qualcosa non torna!!! e soprattutto il bello della vita è che è fatta in scala di grigi e non in bianco o nero..il finale poteva essere amaro e meno lieto fine di quello che ci si poteva aspettare senza per forza essere così tragico!!

    RispondiElimina
  36. Dopo aver visto il film mi sono interessata ed ho incominciato a leggere il secondo e il terzo libro, il tutto in 3 giorni (ieri l'ho finito).
    Sarà perché l'ho finito da poco, sarà che mi sono immersa completamente in questi libri, Ma non posso accettare la morte di Tris...non ci riesco.
    Non me lo aspettavo non ero preparata! Fino alla fine ho pensato che il fratello sarebbe comparso e avrebbe recuperato la pistola e salvato la sorella, dimostrando così che nonostante tutto lui può essere coraggioso e compassionevole nei confronti della sorella, facendo capire che nonostante il DNA le persone possono cambiare in meglio.

    RispondiElimina
  37. Ho iniziato ad amare la saga di Divergent sin dal primo libro, ed ho continuato a farlo anche dopo la morte di Tris ♥ Ci tengo a dire però dire che -anche se può sembrare un ragionamento stupido- che a volte a me piace rifugiarmi nei libri... per fuggire dalla vita vera, per pensare che ci sia un mondo dove i finali, nonostante tutto sono sempre giosiosi per questo il finale di Alleggiant mi ha lasciato a bocca aperta, ho pianto tanto e in um primo momento non avevo capito pienamente la scelta dell'autrice.
    Detto ciò, però ti ringrazio, perché dopo la lettura di questo post ho capito il suo ragionamento, le sue scelte e ho cominciato ad appoggiarle. ♥ grazie ancora (:

    RispondiElimina
  38. Devo ammettere che all ' inizio ero furiosa con la Roth di avere fatto morire Tris alla fine del libro Allegiant, ma adesso dopo quello che ho letto il finale lo accetto e non critico Veronica per le scelte che ha fatto.
    Il finale mi ha fatto piangere tantissimo, e da una parte mi va bene cosi perché ho provato cosi tante emozioni che con il "solito" lieto fine non avrei mai provato.
    Mi ha dato finalmente la convinzione di quanto adori Tris, Tobias e la intera saga.
    Ma non sono d' accordo su un fatto che la Roth ha detto.
    Dice che , se non sbaglio, Tris si sacrifica per il fratello perché pur avendola tradita lo ama molto, e lo stesso hanno fatto i genitori per Tris e Caleb pur avendo scelto un ' altra sezione abbandonandoli.
    Io fracamente non sono d 'accordo perché non é la stessa cosa.
    In divergent quando scelgono la fazione, é un modo per conoscere se stessi , la propria vera natura e bisogna essere comprensivi in questo caso anche se si lascia la famiglia perché non si puo' fingere di essere un 'altra persona per il resto della tua vita...si impazzirebbe totalmente!
    Nel caso del tradimento di Caleb invece , secondo me la comprensione non ci deve essere.
    Se si ama veramente qualcuno, fai di tutto per proteggerlo e per stare dalla sua parte fino alla morte, non come ha fatto lui, tradendola e alleandosi con il nemico che poi successivamente tenta in tutti i modi di uccidere Tris, sua sorella!
    Per quanto la natura degli Eruditi é egoista, non ci sono giustificazioni.
    Si, Caleb é egoista , vigliacco e insensibile ma che vuol dire?? E' proprio nel momento del bisogno e del pericolo che scopri veramente quanto ami o non ami una persona.
    Eh beh, lui non la ama e non meritava che Tris si scarificasse per lui ( anche se in parte si é anche sacrificata per l 'umanità).
    E quando lui si propone per andare a fare la missione suicida, mi sono venute in mente due opzioni.
    Lo fatto per il senso di colpa e questo si é certo, ma questo non conferma il suo amore per Tris perché tutti volevano che lui andasse e anche se lui non si sarebbe proposto forse lo avrebbero obbligato.
    La seconda opzione , anche se un po contorta, é che anche se non ama Tris si é proposto credendo , sapendo o sperando che Tris s
    arebbe andata a posto suo.
    Ma francamente mi sembra un po' impossibile.
    Percio' la morte di Tris non mi é andata del tutto giù e ci soffro.
    Ma ringrazio la creatrice di questo blog per averci fatto un lunga traduzione del pensiero della Roth e per averlo condiviso con noi e poi naturalmente ringranzio la fantastica scrittrice che mi ha fatto vivere dei momenti magici.

    RispondiElimina
  39. Ciò che ho amato di più di questa saga è il fatto che si diversificava da tutto ciò che avevo letto finora: il carattere di tutti i personaggi era ben definito, la storia tra i due protagonisti non è stata smielata, anzi ogni gesto e parola tra loro era pieno di significato. Per questo il finale mi ha davvero deluso, non sono d'accordo nel definire una scelta coraggiosa la morte di Tris, ma anzi è stato un finale banale che si poteva già intuire dal secondo libro. La scelta più coraggiosa sarebbe stata farla vivere in mondo estraneo a lei. Infatti, è vero che la storia tra Tris e Quattro ha supero molti ostacoli, ma sempre in un mondo che bene o male conoscevano mentre riuscire a rimare legati nella nuova realtà descritta alla fine nel terzo libro avrebbe dimostrato la forza della loro relazione. Non posso dire nulla sulla scelta della Roth di far prendere a Tris il posto di Caleb, perchè sacrificarlo sarebbe stata una scelta crudele, ma la presenza di David è un qualcosa che stona, sembra senza senso, come se avesse dovuto cercare a forza un modo per farla morire, in quanto non poteva farlo succedere per via del siero della morte, cosa che sarebbe sembrata ancora più illogica. Non credo nel bisogno di far morire Tris per dare un finale drammatico e non cadere nel banale, cosa che poi è successa proprio con la sua morte. Penso che la decisione della scrittrice sia stata dettata dalla volontà di creare un finale poetico, a costo di sacrificare l'originalità (ciò viene confermato dal fatto che l'autrice si è sentita in dovere di giustificare le sue scelte). Ma tutto ciò non toglie nulla al grande talento dell'autrice, che è indiscutibile. Ovviamente ciò che ho scritto è solo il mio pensiero e non pretendo che sia condiviso da tutti o che sia verità.

    RispondiElimina
  40. Per favore non fate morire tris nel film almeno cambiate il finale avvisate il reggista

    RispondiElimina
  41. Non fate morire tris vi prego!!! Dite almeno al reggista di cambiare il finale!!! Vi supplico! Non può finire così!!!!!! Non puoooooo

    RispondiElimina
  42. adesso ho capito il punto di vista della scrittrice, ma ciò no toglie che sono devastata dalla tristezza e continuo a piangere ogni volta che ci ripenso, però chiedo perché il futuro di Quattro deve essere così vuoto e pieno di dolore la scrittrice ha in mente qualcosa per lui affinché almeno questa tristezza di noi lettori possa essere un po' placata. grazie

    RispondiElimina
  43. Ho appena finito di leggere Allegiant (iniziato ieri) e sono devastata dal dolore.. Ho seguito la storia di Tris e Quattro fin dall'inizio e pensare che sia finito tutto mi da una sensazione di vuoto. Ammetto che ho finito il libro piangendo e ammetto che sto piangendo anche ora... La mia tristezza va anche Tobias e desidero che da qualche parte ci sia ancora un lieto fine dove riescono a vivere insieme felici. Ma non è così. Mentre leggevo il finale pensavo " Ma perché, perchè?!?!"

    RispondiElimina
  44. E ora che ho letto il commento della Roth (grazie alla tua traduzione) ho capito cosa c'era dietro e lo comprendo.. Fatto sta che sono tristissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve! Mi sono imbattuta in questi commenti cercando un confronto su quello che è stata questa saga, in particolare il finale che mi ha personalmente sconvolta. Premetto che inizialmente ero molto scettica a leggere perché molte persone mi dicevano che è molto simile ad Hunger Games. Infatti il primo libro, che mi è stato regalato a maggio, ho iniziato a leggerlo solo il primo settembre. E da quel momento non ho capito più niente! Mi ha stravolta, coinvolta a tal punto che ieri ho finito Allegiant! E dire che è una delle saghe più appassionanti è riduttivo! Per la prima volta non ho voluto di proposito andare a cercare spoiler perché volevo godermela appieno, con ogni sua sorpresa. E di sorprese ce ne sono state tante! Ma questo finale... mamma mia! Io sono una di quelle che porta avanti l'idea che i libri, i film debbano aiutarci a evadere dalla realtà di tutti i giorni che fa già abbastanza schifo, e ieri pomeriggio era arrabbiata, incazzata nera per questo finale! Già sognavo Tris e Tobias nell'epilogo felici insieme, non mi importava se fosse stato tutto risolto, ma dovevano stare insieme! (lo so, è il finale scontato di chi è tipicamente sognatore, ma come detto prima, io nei libri vedo una porta che mi fa sognare una realtà diversa). Per la prima volta ho pianto veramente e non la lacrimuccia che ti viene in altri libri, ero proprio disperata! Fino all'ultimo secondo ho sperato e pregato che Tris non fosse morta per davvero! Poi la fine... E stamattina ho iniziato a riflettere: che cosa ci vuole dire Veronica Roth? Perché ha scelto questo finale? E ho cercato cercato e cercato di capire. Dentro di me ha iniziato ad insinuarsi l'idea che finale più adatto non c'è, a prescindere da quanto noi possiamo ritenere che sia giusto o sbagliato. Questo mi ha fatto capire che nei libri bisogna saper leggere tra le righe, non soffermarsi a quella che è la semplice storiella. Bisogna capire a fondo ogni cosa, ogni virgola, e che alla fine c'è sempre qualcosa che sta più a fondo della pagina. Forse non accetterò mai fino in fondo questa fine, perché ammettiamolo, tutti speravamo nel lieto fine di Tobias e Tris che, porca miseria, ne avevano già passate tante! Però la Roth è stata coraggiosa ad ammettere che il finale adatto a questa storia era quello! Che non è la semplice morte della protagonista, ma quello che l'ha portata a morire... e quelle che sono state le conseguenze della sua morte! L'amore prima della fazione! E non solo per Tris, ma anche per tutti gli altri personaggi che comunque sono stati "risparmiati".
      Mi sono davvero ricreduta su questa saga! Grande Veronica Roth!!!!
      Paoletta

      Elimina
  45. Ciao, sono Sofia.
    Ho un blog ( volandoconillibri.wordpress.com) e mi piacerebbe postare la bellissima lettera di Veronica. Posso, se ti cito come traduttrice?
    La traduzione è ottima, mi ha fatto piangere. Avete usato entrambe le parole adatte.
    Anch'io penso che il finale sia adatto. Conosco gente che pensa che abbia rovinato la saga , ma per me non c'è niente di più bello e al contempo STRAZIANTE ( fidati, ho pianto 4 capitoli di fila)di questo.
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sofia, ti ringrazio per questo commento.
      Se vuoi postare la lettera di Veronica da me tradotta per me non c'è problema, basta che magari inserisci un link a questo post e mi citi come traduttrice come hai suggerito anche tu :)
      Sono contenta che in ogni caso anche tu abbia apprezzato il finale così com'è al contrario di tanta altra gente!

      Elimina
  46. Ma sono l'unica a cui non tornano molte cose di questi discutissimo finale ? Premetto che, quand ho iniziato a leggere la serie, sapevo già che tris sarebb morta (mega spoilerone della sorella -.-"), ero preparata a questo e in insurgent questo finale poteva anche avere senso.. Tris era evidentemente legatissima ai genitori (dopotutto è solo una ragazzina di 16 anni, non dimentichiamolo) e la loro perdita, della madre in particolare, lascia un vuoto insormontabile nel suo cuore.. Aggiungendo poi il senso di colpa per aver ucciso il suo migliore amico e il tradimento del fratello, pensavo di aver capito il perchè di una scelta cosí drammatica.. In allergent poi la roth sembra dipingere un quadro di speranza e nuova rinascita per lei, e cominciava a stonate nella mia idea il fatto che alla fine dovesse morire..
    Che si offra al posto di caleb era scontato, e ci sarei rimasta male se lo avesse lasciato morire, mettendosi sullo stesso piano (o quasi) del fratello.. Capisco il sacrificio per amore, il sangue prima della fazione, a ribaltare il concetto di base dell'esperento stesso...
    Ma quello che non mi torna:
    1) perchè tris resiste al siero, per poi essere ammazzata da un paralitico che avrà preso in mano una pistola sí e no 2 volte nella sua vita ? Avrei capito se fosse morta per il siero, sarebbe stato coerente con la trama cisto che comunque era un veleno decisamente più potente degli altri, ma cosí ? Daccprdo, tris era ferita e intorpidita dal siero, ma le variabili che avrebbero potuto salvarla erano più della probabilitá che cadesse;
    2) ma per quals assurda ragione la parte piu forte della squadra proprio nel momento fprte dell'azions doveva assentarsi ? Se trus avesse avuto quattro o christina con sè le cose sarebbero andate diversamente ! È del tutto illogici che durante una missione suicoda come questa due pezzi forti della squadra se ne vadano, e per cosa poi? Per avvertire i parenti di uriah della sua morte imminente ? Per inniettare l'antidoto ai parenti do christina? Ma in ogni caso resettando tutto il personale del dipartimento ci sarebbe stato più tempo, sia per i saluti ad uriah che per le inniezioni agli altri e per fermare la guerra..
    3) penso che il destino di tobias sia terribile.. Meritavano entrambi di essere felici, e trovo sia davvero una crudeltà nei suoi confronti questo finale.. Avrebbe avuto del tutto senso se anche quattro fosse rimasto ucciso, ma in questo modo davvero strazia il cuore..

    Mi dispiace essermi dilungata così tanto, ma davvero, pur essendo stata preparata al finale sin dall'inizio ci sono rimasta troppo male.. Non oer la morte in sè, maper come è avvenuta.. A conti fatti davvero la vedo come una fine crudele e abbastanza forzata.. Peccato perchè la serie è davvero stupenda, scritta direi in modo magistrale, non scontata e molto molto coinvolgente.. Personalmente peró non credo che riusciró a rileggerla, il vuoto che mi lascia è troppo grande..
    Ps: davvero, spero che almeno nel film cambino il finale ... Già ho visto dal trailer che hanno cambiato molte cose ......

    Un bacio a tutte e coraggio, tris vive comuqnue nella nostra immaginazione, finchè verrà ricordata sarà immortale

    RispondiElimina
  47. Grazie comunque per la traduzione! Bellissimo blog, complimenti !!

    RispondiElimina
  48. Uno dei libri più belli mai letti, davvero. Credo che la Roth sia una scrittrice VERA, in tutti i sensi che può assumere questo aggettivo. La nostra generazione ha bisogno di queste scosse emozionali e sopratutto reali. Naturalmente dispiace e addolora tutta questa ingiustizia sopratutto per Quattro: ovvio che anche io avrei preferito che fosse finita diversamente. Tutti noi vogliamo bene ai personaggi che gli autori ci fanno amare. Di certo è che non dimenticherò mai questo finale: senza parole la descrizione del dolore di Quattro e la sua negazione nei confronti della vita. Questo libro trasmette il chiaro messaggio di NON ARRENDERSI MAI...e di essere fino alla fine coraggiosi e consapevoli delle proprie scelte. Cosa non di certo facile. Grazie per la traduzione!

    RispondiElimina
  49. Non ci sono parole per il finale...neanche le spiegazioni della Roth allevano il dolore....già la vita è dura e difficilmente concede un lieto fine!almeno nei film o nei libri! Da firmare la petizione per un finale alternativo almeno nel cd!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino ad oggi solo Orwell con 1984 è riuscito a farmi rimanere tanto male alla fine di un romanzo. Far morire la protagonista di una saga del genere fanta-fantasy, dove l'impossibile è possibile, è crudele. Abbandonare i propri lettori con una voragine nel petto, un profondo senso di perdita è una malinconia devastante, non è giustificabile in nessun caso. Accetto ma non condivido la scelta della Roth. Se poi dovessimo analizzare la scelta "arbitraria" di Tris di votarsi al sacrificio non rende migliore né il finale, né la saga stessa e poi, in tutto ciò, l'amore per Quattro dove lo dovremmo collocare? - Comunque, non sta a me giudicare le scelte dell'autrice, ma per ora questo finale non mi fa desiderare di leggere nuovamente la saga, per quanto meravigliosa possa essere stata. Di libri ne ho letti davvero tanti e molti di essi non hanno avuto dei protagonisti particolarmente fortunati o happy ending ( ne cito un paio a caso: Romeo e Giulietta; Cime Tempestose) ma il più delle volte la morte dei protagonisti era inevitabile. Ecco, la morte di Tris è stata ingiusta e sorprendente dolorosa proprio perché evitabile.

      Elimina
  50. Il mio nome è Bene, non ho mai pensato io sorriso ancora, mia sinistra marito me con due bambini per un anno, tutti gli sforzi per riportarlo indietro non riuscita ho pensato che non ho intenzione di vederlo di nuovo fino a quando non ho incontrato una signora di nome Jesse che mi ha parlato di un mago chiamato MUTABA, lei mi ha dato il suo indirizzo email e numero di cellulare e ho contattato lui e mi ha assicurato che entro 48 ore, che mio marito ci torneremo per me, In meno di 48 ore il mio marito è tornato iniziato implorando il perdono dicendo che è il lavoro di diavoli, quindi sono ancora sorpresa fino ad ora su questo miracolo, non riuscivo a concepire ma, non appena è stato lanciato l'incantesimo, rimase incinta e diede alla mia terza child(Michelle) se avete bisogno di assistenza da lui che è possibile contattarlo tramite : e-mail: greatmutaba@yahoo.com

    RispondiElimina