mercoledì 20 agosto 2014

Recensione "Dentro Jenna" di Mary E. Pearson

Buongiorno lettori! Eccomi qui con la recensione che avrei voluto pubblicare lunedì. Ancora ne ho un paio in arretrato, ma piano piano sto recuperando! Oggi vi parlo di un libro che aspettava sui miei scaffali da un bel po' di tempo e che purtroppo non mi ha molto convinta, Dentro Jenna di Mary E. Pearson.



Dentro Jenna
di Mary E. Pearson
Editore: Giunti Y
Prezzo: 14,90 €
Pagine: 384

Trama: La diciassettenne Jenna Fox, dopo più di un anno di coma, si risveglia in un corpo e in un presente che stenta a riconoscere. I genitori le raccontano che è stata vittima di un gravissimo incidente automobilistico, ma sono tante le lacune sulla sua identità e molti gli interrogativi irrisolti sulla sua vita attuale. Perché mai la sua famiglia si è trasferita di colpo in California, abbandonando tutto a Boston? Perché la nonna la tratta con inspiegabile scontrosità? Perché i genitori le proibiscono di parlare del loro improvviso trasloco? E come mai Jenna riesce a ricordare intere pagine del Walden di Thoreau, ma riporta a stento alla memoria stralci disordinati del suo passato? Assetata di verità e inquieta, la ragazza cerca di riappropriarsi della sua vita passata. Guardando i filmati dell’infanzia, strani ricordi riaffiorano nella sua mente confusa e, lentamente, Jenna realizza di essere prigioniera di un terribile segreto. Mary E. Pearson ha costruito un’affascinante e credibile visione di un futuro distopico esplorando i territori dell’etica e della sperimentazione scientifica, il potere della biotecnologia e la natura dell’anima, con delicata poesia e intrigante suspence.

Recensione
Dopo un anno di coma, Jenna si sveglia e non ricorda più chi è. Non ricorda il suo nome, non ricorda niente della sua vita prima di allora. Non riconosce suo padre o sua madre, né tanto meno sua nonna. I suoi genitori le dicono che è stata vittima di un brutto incidente d'auto e sono fiduciosi che presto le tornerà la memoria.
Jenna vorrebbe credergli, eppure sente che c'è qualcosa che non va. Capisce che chi le è vicino sta custodendo un segreto di cui non vuole rivelarle nulla. Sua madre è fin troppo protettiva e assillante, sua nonna invece, la tratta con diffidenza e le sta alla larga, la disprezza quasi e Jenna non capisce il perché.

In un susseguirsi di domande e di misteri, Jenna riuscirà a scoprire cosa le è davvero successo, ma si ritroverà anche a desiderare di non averlo mai voluto sapere.

Ho trovato questo romanzo molto introspettivo. Per la gran parte del tempo, sono i pensieri più profondi di Jenna ad accompagnarci. Siamo dentro la sua testa e lei ci descrive minuziosamente tutto ciò che vi passa. Purtroppo però, mi spiace dirlo, questo libro non mi ha proprio lasciato niente. Non sono riuscita a provare empatia verso Jenna e, nonostante la storia sia raccontata proprio in prima persona da lei, ho trovato la narrazione molto fredda e distaccata e la lettura ne ha molto risentito. I risvolti della trama poi, erano fin troppo prevedibili fin dal principio. L'unica che sembrava non capire era proprio Jenna e sinceramente sono stufa di questi protagonisti che, davanti all'evidenza, non riescono a fare due più due.

Nemmeno la parte futuristica e fantascientifica della vicenda mi ha particolarmente entusiasmata. Insomma, come al solito, niente di nuovo. Mi è sembrato di trovarmi davanti a un enorme déjà vu per tutto il tempo.

In conclusione posso tranquillamente dire che Dentro Jenna non ha neanche lontanamente soddisfatto le mie aspettative, anzi come ormai avrete capito, mi ha parecchio delusa tanto che ho deciso di non leggere nemmeno il seguito per quanto la trama sembri interessante, non voglio ricadere nella stessa trappola e sono sicura che ci sono letture migliori ad aspettarmi e per cui vale la pena impiegare il mio tempo.



Jenna Fox Chronicles di Mary E. Pearson
  1. Dentro Jenna, 2011 (The adoration of Jenna Fox, 2008)
  2. L'eredità di Jenna, 2012 (The Fox inheritance, 2013)

18 commenti:

  1. Oh no, è in WL da un tanto tempo D: credo che gliene passeranno altri mille sopra però!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari leggilo in ebook semmai se non sei convinta :3

      Elimina
  2. Mi aveva sempre incuriosito ma ho sempre aspettato un po'. Aspetterà ancora.

    RispondiElimina
  3. Cavoli! Mi spiace proprio che non ti sia piaciuto! Io invece l'ho trovato cosí bello! Sia come storia che come sviluppo dei personaggi..scoprire quello che é successo alla protagonista mi ha sconvolto! :-O
    Secondo me fa molto anche i libri che leggi, nel senso che a volte il senso di dejavú é dovuto al fatto che si leggono libri simili che magari sono usciti dopo il libro in questione, ma tu leggendolo dopo lo trovi ripetitivo. Insomma, magari se l'avessi letto prima ti avrebbe preso di piú!
    Che ragionamento contorto! XD
    Si capisce qualcosa di quello che ho scritto?

    Il secondo a me é piaciuto molto meno, bella l'idea di fondo, ma manca quel qualcosa in piú che invece il primo possedeva..non lo consiglio in modo particolare, se non per curiosità! (Se giusto giusto avanza tempo e non hai altro da fare) :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Ho scritto "déjà vu" in francese maccheronico..ops) :-)

      Elimina
    2. Ma guarda in realtà di libri simili penso di non averne mai letti :/ è che proprio non c'ho trovato niente di fresco o di nuovo...
      Io avevo già capito tutto di quello successo Jenna da quando *SPOILER* incontra la tipa che ha le protesi e lei fa quel discorso sulle percentuali... visto che il padre era l'inventore del bio gel ho fatto due più due *FINE SPOILER*
      Il secondo ho già deciso di non leggerlo... non so, penso che io e l'autrice siamo proprio incompatibili :P

      Elimina
    3. *SPOILER* un pò l'avevo intuito anch'io, ma non pensavo fosse stato un intervento cosí estremo e cosí "esagerato"! Però l'ho letto due anni fa, quindi non mi ricordo tutto, ma avevo scritto una recensione piuttosto entusiastica! *SPOILER*

      In ogni caso mi spiace proprio che non ti sia piaciuto! Sfrutta il secondo x accumulare punti su bookmooch! ;-)
      (Tra l'altro mi sono appena iscritta, quindi magari ti chiederò un paio di cose in pvt se non ti disturbo!)

      Elimina
    4. Certo! Se hai bisogno mandami pure una mail :3

      Elimina
  4. L'ho letto un po' di tempo fa e ricordo che mi era piaciuto, ma neanche a me ha trasmesso niente!Ho provato anche a leggere il seguito ma non sono riuscita ad andare oltre le prime pagine xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho deciso di iniziare il primo perché tramite bookmooch mi ero procurata il secondo... ma questo mi ha convinta talmente poco che ho deciso proprio di darlo via senza manco provare a leggerlo XD a saperlo... nemmeno lo richiedevo :s

      Elimina
  5. Nuo.. Ce l'avevo in wl!! Spero che quando lo prenderò non mi dispiacerà così!

    RispondiElimina
  6. Che delusione quando ci troviamo davanti a un libro che non ci regala nulla di nuovo! Non mi piacciono le cose già viste e sinceramente come libro non mi ha mai ispirata U_U perciò non mi perdo niente e per questa volta passo

    RispondiElimina
  7. Non sapevo che Mary E. Pearson avesse scritto questo libro!
    Comunque mi dispiace che non ti sia piaciuto :/ Non che avessi in progetto di leggerlo a breve ma era in wishlist e ora non so :(

    RispondiElimina
  8. Peccato ç___ç è nella mia WL!

    RispondiElimina
  9. A me non ha deluso, anzi, ma l'ho vissuto come un libro che puntava più sulla riflessione che sulla dinamica e i colpi di scena, un po' come the Giver. Il seguito è completamente diverso, quasi l'opposto visto che punta proprio sull'azione.
    Vorrei il terzo ma la Giunti si fa di nebbia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esiste un terzo? Non lo sapevo! E non si sa nulla al riguardo? :-O

      Elimina
  10. Sono d'accordo con tw, e' inutile insiatere se il primo non ci ha convinte,con tutti i bei libri che ci aono in giro e' proprio uno spreco di tempo!!! :-))

    RispondiElimina
  11. Questo libro è nella mia Wl da una viota e non sapevo mai se inziarlo o no.... adesso questa recensione... tendo più verso il no.... odio le cose gia lette e riviste... una noia !!!!

    RispondiElimina