martedì 14 ottobre 2014

Recensione "Mystic city" di Theo Lawrence

Buongiorno lettori! Devo dire che sono proprio di buono buonissimo umore, e voi? Ancora non sono riuscita a recuperare tutte le recensioni in arretrato, ma ce la farò. Oggi vi parlo del mio pensiero riguardo a Mystic city di Theo Lawrence, il protagonista dell'ultimo GDL del blog, un libro da cui non mi aspettavo molto e da cui non ho in effetti ricevuto molto.



Mystic city
di Theo Lawrence

Editore: Mondadori Chrysalide
Prezzo: 17,00 €
Pagine: 400

Trama: Manhattan è stata sommersa dall'acqua. In una New York del futuro, vittima del riscaldamento globale, i quartieri sono rigidamente divisi: la zona più elevata è abitata dai ricchi, mentre la classe inferiore è costretta a vivere nello squallore delle Profondità, ai livelli più bassi. I capi corrotti della città ricca sopravvivono grazie all'energia generata dai mistici, rappresentanti della classe inferiore dotati di capacità magiche. Come nella tragedia di Shakespeare, accade l’impensabile: Aria, figlia di un ricco criminale, si innamora di Hunter, un mistico ribelle e rivoluzionario, determinato a cambiare il destino del suo popolo. Un amore proibito tra due famiglie nemiche è destinato a portare lutti e dolore, ma anche a cambiare per sempre la vita di Aria e del suo mondo.

Recensione
In un futuro non molto distante, le conseguenze del riscaldamento globale si sono gravemente abbattute sul pianeta. Aria Rose vive in una Manhattan sommersa dall'acqua. In alto, ad Aire, vivono i cittadini più ricchi e agiati, in basso invece, tra i canali e il fango, ad Abyss, vivono gli svantaggiati. A capo della città ci sono due famiglie, i Rose e i Foster, da sempre in lotta fra loro, ma che ora, grazie all'amore sbocciato tra Aria e Thomas Foster, hanno deciso di unirsi anche per far fronte al nemico comune: i mystic, degli individui che possiedono poteri e minacciano di prendere il loro posto al governo.
Aria sa che deve sposarsi con Thomas e sa di essere innamorata di lui, eppure non ricorda nulla della loro relazione. I suoi genitori le hanno detto che è andata in overdose dopo aver fatto uso di droga, ma quando Aria scenderà ad Abyss una sera, decisa ad andare dal suo promesso sposo, e si troverà invece davanti Hunter, un mystic ribelle, inizierà a capire che qualcosa non torna. Qual è la verità sui suoi ricordi? Cosa nascondono le sue memorie perdute?

Le premesse perché questo fosse un bel romanzo c'erano tutte. Un'idea di base molto buona e intrigante, un'ambientazione allo stesso tempo tradizionale, ma anche innovativa. Purtroppo però, più leggevo, più mi convincevo del fatto che il libro non era un gran che, non che non me l'aspettassi viste le opinioni deluse lette in giro.
Purtroppo Mystic city risulta davvero poco convincente. Nonostante lo stile di scrittura scorrevole e abbastanza piacevole, la trama viene sviluppata in modo fin troppo scontato, prevedibile e banale. I personaggi non sono abbastanza veritieri, neanche alla lontana, e sono caratterizzati soltanto in minima parte tanto che, a lettura ultimata, per il lettore risultano ancora degli estranei. In più, sotto certi aspetti non del tutto trascurabili, la storia presenta anche molte lacune e si ha quasi la sensazione che all'autore la situazione sia proprio sfuggita di mano.

L'unica cosa che ho apprezzato sono state le descrizioni anche se ho avuto l'impressione che Lawrence si sia lasciato prendere troppo la mano con Venezia e che abbia descritto la nostra città e non la sua, se capite cosa intendo.

Insomma, non c'è molto altro da aggiungere. Questo libro non mi ha entusiasmata, non mi ha mai incuriosita, non mi ha fatto provare nulla e, arrivata ad un certo punto, dopo che avevo messo da parte la lettura per pochi giorni, non ricordavo nemmeno cosa fosse successo negli ultimi capitoli letti e ad essere sincera, penso che dimenticherò in generale la storia nel giro di pochissimo tempo perché non mi ha lasciato proprio niente e sono anche piuttosto decisa a non leggere il seguito semmai verrà pubblicato nelle nostre librerie.



Mystic city di Theo Lawrence
  1. Mystic city, 2014 (Mystic city, 2012)
  2. Inedito (Toxic heart, 2014)
  3. Inedito (Untitled, 201?)

23 commenti:

  1. Il libro a me è piaciuto abbastanza, ma anche io ho trovato delle pecche qua e là. I personaggio non sono molto caratterizzati e sopratutto Hunter, su cui avevo molte aspettative, un pò mi ha deluso.
    Ecco, comunque, la mia recensione!: http://libridivercy.blogspot.it/2014/10/mystic-city-recensione-libro-theo.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm io sarà che ho letto troppi libri di questo genere e dunque non mi accontento più, ma i difetti mi hanno colpita più dei pregi purtroppo :/

      Elimina
  2. Non mi ispirava...ora ancora meno! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conoscendo i tuoi gusti un pochino, dubito che ti potrebbe piacere :P

      Elimina
  3. Io non l'ho letto, ma una mia amica me ne ha parlato e mi ha detto le stesse cose che hai scritto! Sinceramente, questo libro non mi fa per niente voglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda posso dire tranquillamente che c'è di meglio, io infatti non l'avrei mai letto se non fosse stato il più votato per il GDL :P

      Elimina
  4. Il finalr non mi ha entusiasmata, vero, però per il resto mi è piaciuto molto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece l'ho trovato troppo insignificante in generale... ma va beh, sono anche gusti come sempre :3

      Elimina
  5. tesoro stessa mia valutazione! che delusione -.- il finale non mi è piaciuto e in generale non mi ha entusiasmato come lettura :/ però almeno mi sono tolta la curiosità per questo libro! e menomale l'ho preso in ebook U_U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda ero anche tentata di dare anche mezza stellina in meno, ma alla fine ho deciso di lasciare le due e mezzo per la fluidità e perché comunque, ho letto decisamente di peggio XD

      Elimina
  6. A me nel complesso non è dispiaciuto, sì ci sono delle pecche, dei punti non chiari però non l'ho trovato così negativo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma infatti non lo considero così negativo, ma nemmeno così positivo per quanto mi riguarda... sì, si legge, ma niente di più secondo me :/

      Elimina
  7. Peccato, come hai detto le premesse c'erano, peccato che siano state utilizzate male :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Purtroppo succede con un sacco di libri... un vero peccato :|

      Elimina
  8. Sono perfettamente d'accordo con te, Deni!L'idea di base era fantastica, ma lo sviluppo lasciava fin troppo a desiderare!Nemmeno io penso leggerò il seguito, anche perché i pareri letti in giro finora non sono molto diversi da quelli del primo volume xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beh, un motivo in più per starne alla larga allora :P

      Elimina
  9. Per quanto riguarda me, il libro mi è piaciuto ma neanche tanto. Quando ho letto per la prima volta dell'uscita di questo libro, ero talmente attirato dalla copertina e dalla trama che avevo aspettative molto alte. Nonostante le aspettative non le abbia raggiunte pienamente, il libro mi è piaciuto, ma non ha lasciato quell'impronta come per altri libri. Avrei dato la tua stessa valutazione, forse ancora qualcosa per avvicinarsi a tre stelle ma non sfiora le tre stelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io inizialmente ero parecchio ispirata dal libro... poi una mia amica l'ha letto e mi ha un po' spiegato com'era e ho capito che non mi sarebbe piaciuto molto... e così è stato XD

      Elimina
  10. Un gran peccato... ero molto molto incuriosita da questo libro, lo avevo messo subito in wishlist, ma dopo tante recensioni negative ed ora la tua non credo di avere voglia di comprarlo e leggerlo.
    Un vero peccato perché ultimamente sento sempre più storie che hanno basi molto originali e si cui si potrebbe lavorare bene, ma che vengono trascurate e rovinate dagli stessi autori....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro di sicuro nella tua wishlist ad attendere ci sono dei libri migliori U_U non credo ti potrebbe piacere!

      Elimina
  11. Che peccato, sembrava proprio un bel libro e invece... che delusione :(

    RispondiElimina
  12. Oddio, che peccato! Era un libro che mi ispirava tantissimo, ma ultimamente sto leggendo solo recensioni negative :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace... anche a me ispirava, ma già dai pareri che avevo letto in giro avevo escluso di leggerlo... non fosse stato per il GDL non l'avrei fatto XD e non penso me ne sarei pentita!

      Elimina