giovedì 15 gennaio 2015

Recensione "La bussola d'oro" di Philip Pullman

Buon pomeriggio lettori, come state? Non so che tempo sta facendo dalle vostre parti, ma qui in certi momenti della giornata sembra quasi di essere in primavera! Oggi comunque volevo proporvi la recensione de La bussola d'oro di Philip Pullman, un libro che mi ripromettevo da leggere da una vita. Durante la stesura della recensione mi sono accorta di essere molto combattuta a riguardo. Voi l'avete letto? Cosa ne pensate?



La bussola d'oro
di Philip Pullman

Editore: TeA
Prezzo: 10,00 €
Pagine: 354

Trama: Lyra vive al Jordan College di Oxford. Oxford non è lontana da Londra, e Londra è in Inghilterra. Ma il mondo di Lyra è ben diverso dal nostro. Oltre l'Oceano c'è l'America, ma lo stato più importante di quel continente si chiama Nuova Francia; giganteschi orsi corazzati regnano sull'Artico; lo studio della natura viene chiamato "teologia sperimentale". E soprattutto ogni essere umano ha il suo daimon: un compagno, una parte di sé di sesso opposto al proprio, grazie al quale nessuno deve temere la solitudine. Questo mondo attraversa un periodo critico: nella luce misteriosa dell'Aurora Boreale cade una Polvere di provenienza ignota, dalle proprietà oscure. Uomini di scienza, autorità civili e religiose se ne interessano e ne hanno allo stesso tempo paura. Lyra l'intrepida, che ha solo undici anni, si trova al centro degli intrighi, e quando intuisce segreti pericolosi e inquietanti decide di andare alla ricerca della verità grazie anche all'aiuto di uno stranissimo strumento "scientifico", una sorta di bussola d'oro, un aletiometro che serve appunto a misurarla, quella verità.

Recensione
Lyra Belacqua è una ragazzina vivace che vive al Jordan College di Oxford e che passa le sue giornate a giocare e a studiare con gli Accademici. I suoi genitori sono venuti a mancare quando era piccola e lei non ha alcuna memoria di loro. L'unico parente in vita che ha sembra essere suo zio, Lord Asriel, un uomo schifo e sfuggente che di rado va a farle visita.

Il mondo in cui vive Lyra per moltri aspetti può sembrare uguale al nostro, ma in realtà è profondamente diverso. La differenza più grande la fanno certamente degli esseri, chiamati daimon, che sono legati a ogni umano dalla nascita alla morte. I daimon assumono svariate forme di animali e non possono separarsi dal loro umani, con cui condividono pensieri e sensazioni. È come se l'anima di ognuno, alla nascita, si dividesse in due. In questo modo, grazie ai daimon, nessuno è mai veramente da solo.
I daimon comunque non sono l'unica cosa eccezionale di questo mondo. A popolarlo ci sono anche altre creature fantastiche come gli Orsi Corazzati e le streghe. E poi c'è la Polvere, una sostanza misteriosa che sembra nascondere verità a lungo tempo ignorate.

La tranquilla vita di Lyra e del suo daimon, Pan, viene sconvolta quando la signora Coulter, un'aristocratica, decide di prenderla con sè. La notte prima della partenza di Lyra, il Maestro del College, le darà un oggetto dagli enormi poteri, un aletiometro. Avrà così inizio l'incredibile viaggio di Lyra.

Insomma, diciamocelo, descrivere il mondo creato da Pullman in tutta la sua complessità a una persona che non ha mai sentito parlare del libro e che non ha mai visto il film non è per niente facile. Pullman ha senz'altro creato qualcosa di unico e speciale.
Personalmente, avevo visto la trasposizione cinematografica tratta da questo romanzo anni fa e l'avevo molto apprezzata. Leggere il libro si è rivelata un'esperienza piacevole, ma piuttosto strana sotto diversi aspetti. La trama è molto più ampia e più ricca di dettagli, ma lo stile dell'autore non è di certo fluido o incalzante e in generale ho trovato il libro poco scorrevole. Pullman adora perdersi nelle descrizioni e nei dettagli, nelle storie e nei pensieri più profondi.

Anche se ormai sono passati una decina di giorni da quando ho letto il libro, ancora non sono riuscita appieno a metabolizzarlo. Mi è piaciuto? Non mi è piaciuto? Non lo so nemmeno io in realtà. Non l'ho trovato malvagio, ma nemmeno eccezionale come pensavo potesse essere. Forse la mia opinione è stata influenzata dalla visione del film? Molto probabile. Mi aspettavo qualcosa di diverso? Sì, senza dubbio. Soprattutto il finale, molto differente da quello del film, mi ha lasciato l'amaro in bocca.
Ho avuto come l'impressione che Pullman abbia scritto una storia per adulti, ma che abbia deciso di mostrarla ai lettori attraverso gli occhi di una bambina e non ho ancora capito se questa cosa mi sia andata a genio oppure no. Probabilmente riuscirò a chiarirmi meglio le idee con la lettura del secondo volume. E questa volta non ci sarà nessun film a influenzarmi, quindi ben venga.



Queste oscure materie di Philip Pullman
  1. La bussola d'oro, 1996 (The golden compass, 1995)
  2. La lama sottile, 1997 (The subtle knife, 1997)
  3. Il cannocchiale d'ambra, 2000 (The amber spyglass, 2000)

32 commenti:

  1. Sicuramente non è una trilogia per "ragazzini". La cosa emerge soprattutto negli altri libri dove si comincia a parlare di mondi paralleli, scienza e religione. Io ho letto la saga prima dell'uscita del film e avevo circa 14/15 anni.
    Diciamo che è complessa come trilogia ù.ù Ma ora come ora ho in mente di rileggerla perché in ogni caso mi aveva colpita molto!
    La differenza film/libro... all'uscita del film ero rimasta delusissima dal finale del film, sigh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh hai ragione, i finali sono un bel po' diversi :P
      Comunque di sicuro saprò giudicare meglio quando leggerò gli altri volumi!

      Elimina
  2. Come te anche io vidi il film e mi piacque molto, perciò decisi (ovviamente) di leggere anche il libro... Ma, ahimé, non è il mio genere... tante, troppe descrizioni che rallentano molto la lettura ed infatti non sono riuscita ad arrivare nemmeno a metà libro... Purtroppo i libri troppo descrittivi non mi piacciono per nulla :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il problema sta anche nel fatto che le prime centocinquanta pagine del libro sono uguali al film e non hanno altro da aggiungere... dunque annoiano! Io avevo provato a leggerlo infatti altre due volte e poi l'avevo messo via... mi son dovuta forzare >.< poi per fortuna son cambiate le cose!

      Elimina
  3. Anche a me in genere non piacciono i libri descrittivi, ma la bussola d'ora mi è piaciuto tantissimo! *^* un fantasy con i fiocchi! ho già il secondo sullo scaffale, mi è venuta voglia di leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son proprio curiosa di sentire cosa ne pensi *^*

      Elimina
  4. Io adoro Queste Oscure Materie, (non riesco a vedere la trilogia come tre libri separati). Per me non è solo un bel libro, ma il libro. L'esempio più meraviglioso dell'altezza che il fantasy può raggiungere. Nella Bussola D'Oro si riesce a malapena a intuire la grandezza e complessità del mondo (o meglio dei mondi) creati da Pullman. Man mano la storia diventa sempre più profonda e complessa e assume diversi livelli d'interpretazione.
    Non riesco mai a parlare della trilogia senza perdermi in sproloqui sulla sua bellezza!
    Si parla di grandi temi, di anima, di religione, di morte, del bene e del male, dell'aldilà, di mondi paralleli, di libero arbitrio....
    Io trovo che sia scritto meravigliosamente, con una maestria unica.
    Il film invece, visto dopo la lettura del libro, l'ho odiato intensamente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow che entusiasmo :D mi spiace che il film non ti sia piaciuto, ma dopo aver letto il libro non mi è difficile capire il perché!
      Spero che con la lettura degli altri volumi della serie possa aumentare anche il mio entusiasmo :)

      Elimina
  5. Lo devo leggere anche io ma non so quando mi deciderò, quella copertina è favolosa!!! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, le nuove edizioni sono bellissime, le ho viste in libreria di recente *^*

      Elimina
  6. Io non sono mai riuscita a leggerlo....poi ho visto il film, che non mi è piaciuto per niente e quindi....addio libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm se già hai fatto fatica col film non so se il libro potrebbe piacerti... in un certo senso è più adulto e più complesso del film!

      Elimina
  7. Io ho semplicemente adorato alla follia questa trilogia!! L'ho letta a 13-14 anni e riletta l'anno scorso (tra l'altro apprezzandola ancora di più, in quanto da bambina diverse cose le avevo colte solo superficialmente) e il mio parere è rimasto immutato! A vole può risultare un po' meno scorrevole però fidati che ne vale assolutamente la pena :)

    RispondiElimina
  8. Questa recensione mi fa ricordare che io non ho ancora letto il libro e che devo rimediare.
    Mi hai convinto, vediamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero possa piacerti :3 se hai già visto il film non ti scoraggiare perché all'inizio sono identici... poi a un certo punto prendono strade separate :)

      Elimina
  9. Non l'ho ancora letto, ma voglio assolutamente farlo! Ho il primo libro sullo scaffale da un po' e penso che quest'anno gli darò una chance. Mi avevano incuriosito le moltissime recensioni positive, altrimenti non penso che lo avrei mai comprato, perché il film non mi era piaciuto per niente. Fortunatamente però non mi ricordo quasi nulla del film, quindi magari apprezzerò il libro! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh allora ti do il consiglio che sto dando un po' a tutte le persone che hanno visto il film e vogliono leggere il libro... non scoraggiarti perché per le prime centocinquanta pagine circa, sono molto simili, ma poi il libro prende una strada diversa!

      Elimina
  10. io non sapevo nemmeno dell'esistenza del libro, figurati com'ero combinata! ahaha comunque ho visto il film un sacco di tempo fa e mi era piaciuto particolarmente, peccato che il libro sia da meno. mediocre non basta per soddisfarci :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che magari i seguiti si rivelino più soddisfacenti, chissà :3

      Elimina
  11. Lessi il libro quando avevo circa 11 anni ed era da poco uscito il film. Sinceramente all'epoca non leggevo molto, anzi quasi per nulla, ma ricordo molto bene di come anche io rimasi impietrita dal finale. Per quanto piccola non mi piacque molto in generale, probabilmente anche per via del film che mi aveva portato ad avere aspettative assai diverse. Nel complesso rimasi abbastanza delusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda secondo me hai colto in pieno il punto della mia recensione, anche io avevo aspettative diverse! Spero che potranno piacermi comunque gli altri due libri della serie :)

      Elimina
  12. Anche io sicuramente mi sono fatta influenzare dal film, infatti non ho concluso la bussola d'oro. Mi annoiava molto, non sono riuscita a continuarlo. Forse gli darò una seconda possibilità non so ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, Alessia! Io prima di finirlo avevo già tentato in passato altre due volte di leggerlo, finendo col metterlo da parte. Purtroppo le prime centocinquanta pagine sono ugualissime al film e dunque risultano parecchio noiose... dopo di che film e libro prendono due strade abbastanza diverse :)

      Elimina
  13. Questa copertina è favolosa!*__* (io ho quella del film)
    Ma rimane comunque un bellissimo fantasy, ricchissimo di dettagli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! Le nuove edizioni sono davvero bellissime :3

      Elimina
  14. Ho letto il libro anni fa quando avevo 11 anni più o meno e ricordo che all' epoca non mi aveva entusiasmato......rimasi piuttosto delusa soprattutto dal finale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino! Ci sono rimasta un po' di stucco io a ventitré anni, a undici anni figuriamoci che reazione si può avere >.<

      Elimina
  15. Ho letto questa trilogia qualche anno fa e ho proprio intenzione di rileggerla quest'anno, la adoro <3

    RispondiElimina
  16. Ciao Denise ♥ Grazie mille per aver risposto alle mie domandine ^^ Qui vedi il post pubblicato ^^ http://neversaybook.blogspot.it/2015/01/leggiamo-intervista-ad-una-blogger.html
    Scusa se ti scrivo qui ma ho una giornata proprio piena!
    Baci
    Francy

    RispondiElimina
  17. è uno dei miei libri preferiti, secondo me con il secondo ed il terzo volume le tue idee verranno decisamente schiarite. :)

    RispondiElimina