martedì 20 maggio 2014

Talking about #13 Thriller





Talking about (parlando di) è una rubrica ideata da me. Ad ogni appuntamento tratterò di un argomento diverso. A volte vi proporrò delle top ten, a volte dei meme, a volte semplicemente vi parlerò di ciò che mi passa per la testa riguardo questa o quell'altra cosa, ovviamente e rigorosamente sempre a tema libresco.

Buon pomeriggio lettori! Oggi avevo voglia di fare delle chiacchiere con voi, ma sono andata un attimo in crisi da rubrica. Del tipo "quale pubblico?" e mi sono accorta che ce ne sono alcune che non pubblico proprio mai e sto pensando di sostituirle con qualcos'altro. Ce la farò!

Intanto oggi ho deciso di interpellarvi per parlare di thriller. Come saprete non è uno dei generi che leggo abitualmente però ultimamente mi è venuta voglia di provarci. Sarà che mi sto stancando un po' sempre della solita roba e ho voglia di un po' di freschezza.

Dunque nella mia vita da lettrice penso di aver letto davvero pochi thriller. Vi faccio una sorta di resoconto. C'è stato Shelter di Harlan Coben (recensione) l'anno scorso. Un thriller per ragazzi da cui mi aspettavo molto e che invece non ha brillato per originalità e mi ha lasciata un po' indifferente. Insomma, niente di entusiasmante.
Poi qualche mese fa c'è stato L'estate del coniglio nero di Kevin Brooks (recensione) un altro thriller per ragazzi da cui sono stata nuovamente delusa. Ottima scrittura, ottime premesse, grande suspense, poteva nascondere milioni di segreti e invece celava solo un finale da un lato banale e da un lato menefreghista da parte dell'autore nei confronti dei lettori del genere
"questo mistero l'ho messo perché mi andava, ma non sapevo come risolverlo e dunque ho preferito non farlo" che mi ha lasciato con l'amaro in bocca.
Anni e anni fa ricordo di aver letto anche L'isola della paura di Dennis Lehane dopo aver visto il film. Ricordo che l'avevo trovato abbastanza scorrevole, ma sapendo già come andava a finire non me lo sono goduta appieno e anzi il finale, che nel film era uno spettacolo, era diverso e non in positivo.

Come avrete notato dalle mie opinioni poco entusiaste su questi tre libri, ogni volta mi aspettavo qualcosa di più, qualcosa che mi lasciasse a bocca aperta. Invece sono stata puntualmente delusa.

Però non posso anche non nominare Le stanze buie di Francesca Diotallevi (recensione) un thriller storico ambientato a fine ottocento che ho semplicemente adorato! Questo libro sì che aveva tutte le caratteristiche per piacermi. I colpi di scena mi hanno lasciato a bocca aperta più e più volte. Sono stati tutti ben piazzati e assolutamente inaspettati. E poi va beh, il libro in generale è stato proprio una meraviglia, una sorpresa davvero piacevole.

Detto questo mi rivolgo a quelli di voi che amano questo genere e lo leggono di solito. Avete letto questi libri? Cosa ne pensate? Ma soprattutto, cosa mi consigliate per iniziare a prendere confidenza col genere? Quali sono gli autori che mi consigliate assolutamente e invece quelli che non vi hanno convinto? Se vi può essere d'aiuto mi piacciono molto anche i thriller psicologici (almeno, i film di questo genere spesso li adoro) e mi piacciono molto quelle trame in cui si capisce e si ricollega tutto alla fine. Mi rimetto nelle vostre mani e attendo i vostri commenti. Alla prossima!

32 commenti:

  1. Io in questi anni ho letto molti thriller, pur non essendo tra i miei generi preferiti. E' che a volte ho proprio voglia di essere coinvolta in un libro, di provare quel brivido di eccitazione e adrenalina che solo questo genere riesce a trasmettermi. Dunque i miei preferiti sono stati LA PSICHIATRA di Wulf Dorn e poi di Dorn ho letto tutti i suoi libri, molto belli, è davvero un maestro del genere ma la Psichiatra è stupendo. Poi, IL SUGGERITORE di Donato carrisi. Molto in stile Criminal Minds, davvero coinvolgente. E infine ti cito L'IPNOTISTA, carino anche questo ma leggermente al di sotto delle mie aspettative.
    Sono tutti e tre romanzi che giocano molto con la psicologia/psichiatria, che ti fanno credere una cosa e poi nel finale tutto si capovolge. Sono letture che veramente ti coinvolgono e non ti riesci più a staccare e ti insinuano dentro una paura, un'ansia sottile. Io adoro questo genere :) a basse dosi però!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sentito parlare molto bene de La psichiatra dunque gli darò volentieri una possibilità! Idem per Carrisi :)

      Elimina
  2. Non leggo molti thriller, ma uno che mi è piaciuto veramente tanto è Il Seme Cattivo (si trova anche come I Semi del Male) di William March. È molto introspettivo e guarda tantissimo al lato psicologico della vicenda, con spunti interessanti sulle teorie della devianza.
    È vecchiotto (1954), ma ha retto bene al passaggio del tempo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena letto la trama! Non sembra niente male :D

      Elimina
  3. Sera Deni :3
    Io non leggo molti thriller...ok, diciamo pure che non li leggo mai xD
    Con questa premessa non sono la persona adatta a dare consigli sul genere...ma io ci provo lo stesso :P
    Ti consiglio "Il college delle brave ragazze" di Ruth Newman, l'ho consigliato anche nel reading challenge xD prima o poi smetterò di nominarlo, giuro!
    E' un thriller psicologico che a me è piaciuto molto. :)
    Risvolti inquietanti e colpi di scena.
    In certi punti mi ha fatto accapponare la pelle...ma è anche vero che io sono facilmente impressionabile xD

    Nel caso decidessi di dargli una possibilità...tienimi aggiornata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, direi che mi avete proprio convinta con Il college delle brave ragazze :3

      Elimina
  4. Io ne ho letti tanti, tanti, ma adesso non mi attirano più di tanto. Mi paiono tutti simili: autori dai nomi impronunciabili, Norvegia e Svezia ovunque. L'estate del coniglio nero, come sai, mi è piaciuto, ma soprattutto per il modo che ha di descrivere l'adolescenza: Brooks fa quello, parla di adolescenti. E lo fa con una dignità e un'onesta che sconvolgono. Che posso consigliarti?
    Allora, ho letto di recente L'amore bugiardo e l'ho adorato: non mi divertivo così da tempo. Misogino e femminista insieme, imprevedibile, sadico. Una lotta tra sessi, psicologica e non solo. Thumb up. Come non citare Il college delle brave ragazze: trama semplice, risaputa, ma sviluppi raggelanti. Il finale è un brivido. Bad Time - da cui è stato tratto un film - è un noir veramente ben congegnato: cattivissimo, nero, quotidiano. Scritto magnificamente anche L'abito da sposo, di Pierre Lemaitre: storia ingarbugliata, che dà le vertigini, una prosa liberissima e senza regole. A me piacciono sporchi, brutti e cattivi, ma - per un giallo classico e sobrio - ottimo Il richiamo del cuculo. Elegantissimo. Idem Un'amicizia pericolosa, che sprigiona un fascino pazzesco. La smetto, altrimenti divento prolisso più del solito, ahahahha :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore bugiardo è nella mia wishlist, aspetto solo il momento di comprarlo! Mi intriga troppo la trama U_U
      A Il college delle brave ragazze visto che ne parlate tutti tanto bene darò senz'altro una possibilità :3
      Il richiamo del cuculo è già tra i miei scaffali *^*
      Gli altri invece non li conosco, vado a dare un'occhiata alle trame :D

      Elimina
  5. Eccomi, eccomi. Non leggo così tanti thriller come Mik (forse), ma mi piacciono davvero molto come sai.
    Appena ho letto thriller psicologico mi è venuto in mente subito "Io, Anna" di Elsa Lewin, un libro letto l'anno scorso che mi ha sconvolto in positivo.

    Un'altra lettura recensitissima che mi è piaciuta un sacco e mi ha tenuto con il dubbio fino alla fine è "A chi vuoi bene" di Lisa Gardner
    Come giallo anch'io ti consiglio assolutamente "Il richiamo del cuculo" della Rowling, davvero davvero piacevole e coinvolgente.
    E per ora direi che mi fermo con i consigli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il richiamo del cuculo come sai ce l'ho già e non vedo l'ora di leggerlo visto che a breve uscirà anche il seguito :D
      La trama di Io, Anna devo dire che non mi convince del tutto invece... invece A chi vuoi bene mi incuriosisce parecchio!

      Elimina
    2. A chi vuoi bene lo voglio leggere anch'io!

      Elimina
    3. E' bellissimissimo A chi vuoi bene!

      Elimina
  6. Anch'io non leggo molti thriller, seppur mi conceda qualche lettura di questo genere di tanto in tanto, giusto per staccare dalle solite letture.
    Un libro che ho consigliato anche per la challenge che ho adorato è stato "Uomini che odiano le donne", non ho visto il film ma mi sono divorata tutti e tre i libri (che alla fine sono dei bei mattoni) in qualcosa tipo una settimana di tempo.
    Ci sarebbe il conosciuto Dan Brown, ho letto tutti i suoi libri tranne uno, l'ultimo Inferno non mi è piaciuto particolarmente, ma ho adorato gli altri seppur spesso si somiglino un po'.
    Sempre consigliato per la challenge Dieci piccoli indiani che ho amato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio in una settimana? Wow! Io ho visto il primo film e mi era piaciuto :3 solo che effettivamente sono dei bei mattoni. Vedrò magari se trovo il primo in biblioteca :D
      Dieci piccoli indiani invece prima o poi lo leggo di sicuro :)

      Elimina
  7. Di thriller ne leggo qualcuno ogni tanto, quindi nemmeno io posso definirmi un'esperta, ma provo comunque a dire la mia. Leggendo quel che cerchi in un thriller mi sono venuti in mente "Schegge" e "Il giuramento", rispettivamente di Sebastian Fitzek e Jean-Cristophe Grangé. Entrambi hanno trame molto intricate, in cui gli indizi e le indagini portano alla risoluzione solo durante le battute finali; in questo Grangé è il migliore tra i due e mi ha proprio lasciato a bocca aperta. A parer mio, inoltre, anche lo stile è migliore.Tuttavia, tratta di un argomento piuttosto spinoso e non lesina descrizioni piuttosto esplicite di cadaveri in brutte condizioni (eufemismo), mentre Fitzek punta più sul fattore "psicologico", continue fughe e rivelazioni. Anche il ritmo, nei due libri, è molto diverso: Grangé è più controllato e gestisce le fila di un libro da 680 pp., Fitzek fila come un treno e si limita alla metà delle pagine.
    Insomma, dipende da quel che hai voglia di leggere sul momento; in ogni caso (e perdonami se mi sono dilungata!) ti consiglio entrambi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena letto la trama di Schegge... wow! Promette proprio bene. Mi ha incuriosito tantissimo :)
      Invece la trama de Il giuramento non mi convince... sarà per via dell'ambientazione francese boh °__° direi che Fitzek fa più per me forse :P

      Elimina
    2. Mi inserisco qui giusto perché io i thriller non li preferisco, ma dopo aver scoperto Fitzek ho deciso che avrei letto sempre e solo i suoi. Perciò scegline uno a caso e immergitici! (Grangé non l'ho mai letto, però, perciò non saprei fare paragoni)
      Ma tu Gone girl l'hai letto? oddio qual è il titolo in italiano, parlo del romanzo di Gillian Flynn... ok, mi sono letta i commenti, te lo suggerisce già Mik, perfetto :)

      Elimina
  8. Io sono un'appassionata di thriller, è il genere che prediligo maggiormente. Quando non so mai cosa leggere un buon thriller calma la mia pazzia da "che cavolo leggo?".
    Ne ho letti a bizzeffe e i miei autori di thriller preferiti sono Nora Roberts, James Patterson, Karen Rose, Dan Brown, Tess Gerrtisen, Mary Higgins Clark e Patricia Cornwell.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Patricia Cornwell ne ho parecchi a casa! Era una delle autrici preferite di mia madre :3

      Elimina
  9. Ciao Denise, a parte quello di Lehane i primi due sono più che altro young thriller (ma esiste questa classificazione?!), storie condite di giallo che sono un pretesto per parlare dell'adolescenza, quindi capisco la delusione, magari ti aspettavi altro. E' come quando leggo i rosa crime, non è facile trovare libri che miscelino bene amore e suspense, una delle due componenti viene sempre schiacciata dall'altra.
    Ma mi sto dilungando... quindi veniamo ai consigli mirati, un po' ti conosco, per cui prendi appunti :P

    - La Terapia di Sebastian Fitzek (e ogni suo romanzo, tranne Il Bambino, che non mi ha entusiasmata particolarmente) -> perfetto se hai voglia di "intrippi" psicologici, ma senza "buchi" logici e narrativi.

    - Scomparsa di Chevy Stevens

    - Nero Come il Ricordo di Carlene Thompson

    - Il Terzo Gemello di Ken Follett (un must! questo libro non invecchierà mai!)

    - Non Dirlo a Nessuno di Harlan Coben (e non pensare al Coben che hai letto tu ^^)

    - Bambino 44 di Tom Rob Smith (prima che esca il film mi raccomando!!!)

    - Il Suggeritore di Donato Carrisi (lui scrive da Dio!)

    In ambito young invece le storie thriller che ho più apprezzato sono:

    - 7, il Numero Maledetto di Barnabas Miller e Jordan Orlando

    - Io Non Sono un Serial Killer di Dan Wells (anche se vira sul paranormale)

    - The Gap di Michele Jaffe

    E' tutto xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *apre Amazon per leggere tutte le trame*
      - La terapia uh figata *^* mi ispira un sacco!
      - Nero come il ricordo oddio... inquietante... sembra quasi più un horror! Però non sembra niente male :3
      - Il terzo gemello *legge il nome di Ken Follett, pensa alla lunghezza de I pilastri della terra e si fa intomirire* uhm no, timore a parte, questo mi ispira poco °__°
      - Non dirlo a nessuno la trama di questo l'avevo già letta quando me l'hai consigliato qualche mese fa! Ci farò un pensierino!
      - Bambino 44 non sembra niente male.
      - Il suggeritore Carrisi è già in lista d'attesa :3 ne parlate tutti così bene che mi avete convinto!
      Per quanto riguarda gli altri più young ho già Io non sono un serial killer sugli scaffali *^*
      Grazie mille per i consigli :D

      Elimina
    2. Nooo, ma le trame non leggerle, a volte sono fatte davvero male e non trasmettono la vera essenza del libro.
      Quella del Terzo Gemello poi sembra terribilmente noiosa, invece Follett ha saputo dar vita a una bella storia d'amore ostacolata da quei limiti che l'uomo vorrebbe sempre superare.

      Elimina
    3. Dimenticavo Carrisi! Come ho potuto?!

      Elimina
  10. Io e i thriller non andiamo molto d'accordo.. anzi, non li considero proprio! Ed è un peccato perché quei pochi che ho letto mi sono sempre piaciuti.
    Quelli che hai letto tu Deni non li conosco, anche se ho sentito parlare strabenissimo di Le stanze buie, che infatti è in wl.
    L'ultimo thriller che ho letto è Non ti addormentare di Watson, bello!! E' piuttosto leggero, ma fa il suo bell'effetto ;)
    In passato ne leggevo molti di più, soprattutto di Robin Cook e Dean Koontz, quest'ultimo però verte sul thriller paranormale, ma per me è stupefacente!!! (se ti interessa qualche titolo mi spremo le meningi e cerco di ricordarmi i migliori).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah Michy e come mai non li consideri se i pochi che hai letto ti sono piaciuti? :P
      Ho appena letto la trama di Non ti addormentare e non sembra niente male! Poi questo tipo di danni alla memoria mi hanno sempre affascinato :3
      Beh thriller paranormale... potrebbe essere un ottimo connubio per i miei gusti U_U

      Elimina
    2. "Ma che ne so????!" vale come risposta?

      Uhhhhh allora di Koontz ti consiglio assolutamente Il cattivo fratello, e anche Cuore nero (ci sarebbe anche Mostri, ma credo sia introvabile). Ho dato un'occhiata e ufffffffffffffffffffffffffffffffffffffffffff sono tutti fuori catalogo :(

      Elimina
  11. ho finito da poco il mio periodo thriller, non riesco più a leggerne nessuno ora, ma per anni ho letto praticamente solo quello. Ti consiglierei per iniziare James Patterson, (Primo a morire o Ricorda Maggie Rose sono i primi delle serie, ma ci sono anche quelli "sciolti", honeymoon è particolarmente carino). Oppure se vuoi adrenalina Jo Nesbo non ti fa staccare le mani dal libro, è incredibile. Poi l'ultimo che ho letto "Il cacciatore di occhi" di Fitzek Sebastian mi ha piacevolmente sorpresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fitzek me lo state consigliando un po' tutti *^* gli darò di sicuro una possibilità!

      Elimina
  12. Io adoro i thriller, soprattutto quelli psicologici! I miei preferiti sono i libri di Wulf Dorn (il mio scrittore preferito, tra l'altro). "La psichiatra" è fenomenale, ti lascia senza fiato. E anche il suo ultimo libro "Il mio cuore cattivo" è da leggere assolutamente. All'inizio era un po' scettica sulla lettura dei thriller, ma dopo La psichiatra non riesco a farne a meno. Adesso ne ho da poco comprato uno che però non ho ancora letto, ma la trama mi ispira parecchio. Si chiama "Non è mia figlia" si Sophie Hannah! Ciao Deni!

    Pam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione è interessante la trama di Non è mia figlia! Ho appena anche letto quella de Il mio cuore cattivo... bella, bella! Mi ispira troppo, dritto in wishlist :D

      Elimina
  13. Anch'io non bazzico molto il thriller, ma due autrici che ti straconsiglio sono Kathy Reichs, tutta la serie dedicata a Temperance Brennan, antropologa forense che aiuta la polizia a risolvere i crimini (è sulla falsa riga di CSI, con un risvolto amoroso niente male), e M.C. Beaton, con la serie dedicata ad Agatha Raisin, che sfortunatamente non ho ancora letto, ma che mia madre e molte altre persone dicono essere pisciosissima e veramente veramente bella! ^^

    RispondiElimina
  14. Io leggo tantissimi thriller a proprio per questo faccio fatica ultimamente a trovarne di entusiasmanti.
    In questo momento mi viene in mente di consigliarti:
    A chi vuoi bene e Non ti addormentare che sono molto molto belli!
    La verità sul caso Harry Quebert che è thriller ma anche tanto altro!
    La casa di Pan di zenzero di Carin Gerhardsen; la trilogia di Uomini che odiano le donne; I libri di Mankell e in particolare Delitto di mezza estate o Il ritorno del maestro di ballo; Utente anonimo di Etzold Veit.
    Di alcuni di questi trovi le recensioni sul blog.
    Ho letto tempo fa L'ipnotista ma non mi ha fatto impazzire...
    Se me ne vengono in mente altri te li segnalo.
    ;)

    RispondiElimina