giovedì 26 giugno 2014

Recensione "Noi siamo grandi come la vita" di Ava Dellaira

Buongiorno lettori! Oggi voglio lasciarvi la mia opinione riguardo a Noi siamo grandi come la vita di Ava Dellaira. Devo dire che le mie aspettative a riguardo non sono state affatto deluse.
Vi ricordo che sul blog è in corso un commenta e vinci in cui si può vincere una copia del romanzo!



Noi siamo grandi come la vita
di Ava Dellaira
Editore: Sperling & Kupfer
Prezzo: 16,90 €
Pagine: 320

Trama: Tutto inizia con un compito assegnato nei primi giorni di scuola: "Scrivi una lettera a una persona che non c'è più". E così Laurel scrive a Kurt Cobain, che May, la sua sorella maggiore, amava tantissimo. E che se n'è andato troppo presto, proprio come May. Per Laurel, la sorella era un mito: bella, perfetta, inarrivabile. Era il sole intorno a cui ruotava tutto, specie da quando i genitori si erano separati. Perderla è stato indescrivibile, qualcosa di cui Laurel non vuole parlare. Sulla carta, invece, Laurel si lascia finalmente andare. E dopo quella prima lettera, che non consegnerà all'insegnante, continua a scriverne altre, indirizzandole a Amy Winehouse, Heath Ledger, Janis Joplin e altri idoli della sorella scomparsa. Soltanto a loro riesce a confidare cosa vuol dire avere quindici anni e sentire di avere perso una parte di sé, senza nemmeno potersi aggrappare alla famiglia perché è andata in mille pezzi. Soltanto a loro può confessare la paura e la voglia di avventurarsi in quel mondo nuovo che è la scuola, la magia di incontrare amiche che ti fanno sentire normale e speciale al tempo stesso. Finché, come un viaggio dentro di sé, quelle lettere porteranno Laurel al cuore di una verità che non ha mai avuto il coraggio di affrontare. Qualcosa che riguarda lei e May. Qualcosa che va detto a voce alta: solo così Laurel potrà superare quello che è stato, imparare ad amarsi e trovare il coraggio di andare avanti.

Recensione
Fin da quando era bambina, Laurel, ha sempre preso sua sorella maggiore May come esempio da seguire per ogni cosa. May, seppur più grande solo di qualche anno, si prendeva costantemente cura di lei a modo suo. Le raccontava storie quando i genitori litigavano, la portava fuori in giardino per farla distrarre, non la lasciava mai a se stessa.

Adesso che May è morta però, Laurel si sente persa. Sua madre è andata via da quando May non c'è più, si è trasferita lontano. Suo padre è spesso assente, molto diverso da com'era un tempo.
Laurell sta per iniziare il suo primo anno alle superiori e non sa come affrontare questa nuova avventura da sola. Così, per ingannare l'assenza di sua sorella, indossa i suoi vestiti, si comporta come pensa che farebbe May, si perde nei suoi ricordi e si dimentica di vivere la sua vita come dovrebbe.

Per tutta la storia, ad accompagnarci mentre seguiamo Laurel, c'è il mistero che aleggia attorno alla morte di May. Cos'è successo quella notte, dopo che tornate dal cinema, Laurell e May sono fermate in quel posto vicino al lago che tanto gli piaceva?

Come si intende già leggendo la trama, Noi siamo grandi come la vita è un romanzo epistolare. La storia di Laurel viene raccontata al lettore tramite delle lettere che lei scrive a delle persone famose che non ci sono più. Ho apprezzato molto questa trovata e, ancora una volta, la narrazione sotto questa forma mi è piaciuta parecchio.

Ho trovato la storia intensa, malinconica, triste e allo stesso tempo molto, molto dolce. Durante la lettura, la voglia di prendere Laurel per mano e di abbracciarla era sempre costante.
Questo romanzo comunque non è facile e non è di sicuro per tutti. Si è rivelato molto particolare. L'ho trovato spesso passivo, ma non per questo mi è piaciuto di meno. Il dolore causato da una perdita simile non è semplice da comprendere o da trasporre, ma penso che l'autrice abbia fatto davvero un ottimo lavoro.

31 commenti:

  1. Risposte
    1. Sì dai, mi aspettavo anche qualcosa in meno, invece alla fine ha pienamente soddisfatto le mie aspettative :D però Charlie l'ho preferito!

      Elimina
  2. Un libro che mi incuriosisce e mi spaventa. Sono certa che potrei innamorarmene, anzi me ne sono già innamorata. Spero solo che la lettura non deluda le mie aspettative (perché sono enormi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ti capisco, è normale che certe letture che affrontano argomenti simili possano fare un po' paura, però a me leggere libri di questo tipo di tanto in tanto non dispiace... aspetto il momento giusto e mi butto!

      Elimina
  3. Ciao Denise, è da un po' che seguo anche il tuo blog ma non avevo mai commentato :) questo libro mi attira ma non so quando avrò il coraggio di leggerlo, faccio così con tutti i libri che so che scaturiranno in me emozioni molto forti... Devo trovare il momento giusto per prepararmi alle lacrime! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a te! Sono contenta allora che alla fine hai deciso di commentare :P
      Comunque ti capisco, libri come questi vanno letti al momento giusto, bisogna essere emotivamente pronti U_U

      Elimina
  4. Bella recensione!
    Punto questo libro da quando è uscito in lingua, ma un po' mi spaventa. Il tema che affronta non è per niente facile ed ultimamente sono facilmente incline alle lacrime, tuttavia continua ad attirarmi. Sono un po' combattuta! xD
    (Dal widget dei lettori fissi si vede che mi sono appena aggregata, ma sono sempre la stessa Ninfa, purtroppo ho dovuto fare un altro account perché il vecchio mi dava problemi :( )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace per i problemi con l'account :/
      Comunque non penso sia uno di quei libri da lacrime sai? Va beh che io ho le lacrime rarissime quando leggo... però è triste e intenso, quello sì, ma non da commuovere... o almeno credo, forse non sono troppo affidabile :P

      Elimina
  5. sono curioooosa*-* spero non mi deluda :3

    RispondiElimina
  6. Anch'io sin da subito ho apprezzato la trovata delle lettere epistolari indirizzate a persone che non ci sono più, ho paura della tristezza che potrebbe mettermi addosso, ma lo leggerò sicuramente e comunque. Ormai ne sono follemente innamorata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì dai, non farti intimorire troppo... aspetta il momento giusto e buttati :3

      Elimina
  7. Lo aggiungo sicuramente alla lista, però lo leggerò più avanti perchè un pò come Cristina ho paura della tristezza che può portare...e al momento ho voglia di letture non troppo tristi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì di sicuro libri come questo è meglio leggerli quando si è pronti per farlo :)

      Elimina
  8. Questo libro mi ispira troppo *-*

    RispondiElimina
  9. Devo dire che le aspettative sono parecchio alte *w*
    E' piaciuto a tutti voi recensori di fiducia <3

    Spero di riuscire a ritagliarmi un po' di tempo per provare a buttar giù la mia piccola lettera per il commenta e vinci :3 tanto ho ancora qualche giorno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì dai, sono curiosa di leggere la tua letterina :3

      Elimina
  10. Deniiiii, ho un attimo di riposo e sono infilata nel tuo blog. Mamma mia quanto devo aggiornarmi, non finirò più. Insomma il tuo libro......awwwwwwwwww ^-^
    Va beh passiamo a questa bellissima recensione, insomma secondo me dev'essere bellissimo *-* Io l'ho comprato quando è uscito e mi attende ancora sul comodino. Non vedo l'ora di iniziarlo! Già la trama mi ha emozionata un pò quindi spero proprio che possa fare per me e che non lo trovi lento o altro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non l'ho trovato affatto lento! All'inizio però, non riuscivo a entrare in sintonia con Laurel... ci sono volute un po' di pagine per iniziare a comprenderla, ma va beh... meglio tardi che mai U_U

      Elimina
  11. vorrei tanto leggerlo **
    mi ero persa il tuo commenta e vinci, vediamo se riesco a scrivere qualcosa di decente!

    RispondiElimina
  12. Arriverà presto nella buca delle lettere. ..in inglese :p perciò spero che nn sia difficile per quanto riguarda lo stile se no sono nei guai ^^ spero comunque non mi deludi ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo sia tanto difficile lo stile :3 secondo me è scorrevole anche il lingua :)

      Elimina
  13. Diciamo che proprio per l'impostazione epistolare avevo deciso di passarlo, ma labtua recensioni mi fa ricredere, e poi come resistere a quella favolosa cover?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'impostazione epistolare non la disdegno per niente, anzi :P
      Comunque penso di essere l'unica al mondo (?) a cui la cover non piace XD vada per il font che anche se non mi fa impazzire ci sta... vada per lo sfondo a tema cielo... ma quella sagoma di ragazza lì campata per aria non mi piace proprio >.<

      Elimina
  14. Sono ancora indecisa se dargli o meno un possibilità..la trama mi ricorda un po' troppo "The sky is everywhere"..comunque lo lascio in forse visto che anche tu gli hai assegnato un voto positivo =)
    Ps. ho un premio for you sul mio blog, quando vuoi passa che troverai il tag =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The sky is everywhere l'ho letto l'anno scorso... nonostante la morte della sorella maggiore possa ricordarlo, la trama e lo svolgimento del libro sono completamente diversi :3

      Elimina
  15. non penso riuscirò a partecipare al giveaway e non sai quanto mi dispiace.. sapevo già a chi scrivere la mia letterina ç_ç però va bene così... non vedo l'ora di leggere questo libro perchè so che non mi deluderà! <3

    RispondiElimina
  16. In questo periodo ci sono molte recensioni su questo libro, per la maggior parte positive, lo leggerò probabilmente anch'io, grazie mille:)

    RispondiElimina
  17. Questa è la seconda recensione positiva che leggo, devo proprio leggerlo! :D

    RispondiElimina
  18. Ne parlano bene tutti e anche io all'inizio ne ero attratta, ma ora mi è diventato indifferente, non mi ispira più :/

    RispondiElimina
  19. Ho iniziato a leggerlo, mi mette gia malinconia e un po di paura! Alla fine è piu felice o sarà in ogni lettera cosi triste?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se ti rincuora o meno saperlo, ma è tutto così... resta sempre molto malinconico... però secondo me ne vale la pena anche se ovviamente bisogna essere dell'umore adatto :)

      Elimina